I risultati del concorso Under 35 “Il Design: un viaggio tra Italia e Spagna” organizzato dall'Ambasciata d'Italia a Madrid con il Consolato Generale a Barcellona, Interni, l’Ordine degli Architetti di Madrid (COAM), l’Associazione dei Designer di Madrid (DIMAD), l’Associazione del Design Industriale di Barcellona (ADI-FAD

Un video per raccontare – in occasione dell’Italian Design Day 2020 dedicato al tema “Disegnare il futuro. Sviluppo, innovazione, sostenibilità, bellezza” gli esiti del concorso “Il Design: un viaggio tra Italia e Spagna”, organizzato dall'Ambasciata d'Italia a Madrid in collaborazione con il Consolato Generale a Barcellona, Interni, l’Ordine degli Architetti di Madrid (COAM), l’Associazione dei Designer di Madrid (DIMAD), l’Associazione del Design Industriale di Barcellona (ADI-FAD) e rivolto a studenti e giovani creativi spagnoli sotto i 35 anni.

Tredici minuti di cortometraggio, realizzato da Interni con la collaborazione del POLI.Design del Politecnico di Milano, in cui si succedono i vari attori del progetto. A partire dall’Ambasciatore Riccardo Guariglia, che racconta le motivazioni del concorso, a cui seguono nel corso del video i membri della giuria internazionale che ha valutato le proposte: Gilda Bojardi, direttore di Interni, Francesco Zurlo, preside di POLI.Design Milano, Luciano Galimberti, presidente di ADI - Associazione per il Disegno Industriale, Salvi Plaja, presidente di ADI-FAD Associaciò de Disseny Industrial Barcelona e Mariano Martín, designer membro di di _mad Associaciòn diseñadores de Madrid.

Veri protagonisti del corto, i giovani designer autori dei progetti vincitori e le imprese italiane che hanno sviluppato i relativi prototipi: Blanca Galán Merino e Pablo Sinan Akgül Garcimartín, studenti dello IED di Madrid e autori del sistema di sedute e tavolini “Anyway”, realizzato da True Design; Amalia Puga Cividanes, studentessa dell’Elisava e autrice della poltrona da esterno “Entre Redes”, realizzata da Emu; Diego Finger, studente della Scuola Tecnica Superiore dell’Università Politecnica di Madrid e autore del sistema “Gya”, realizzato da Baleri Italia; Paula Chacártegui, studentessa dello IED di Barcellona e autrice dei sex toys “Kama”, realizzati da Alessi; Daniela Grisel Beizaga Laura, studentessa dello IED di Madrid e autrice dell'attrezzo da cucina “Marana Wooden Knife”, realizzato da Disegno Mobile; Carla Jörgens Vidal, studentessa dello IED di Barcellona e autrice della lampada da tavolo “Nähe”, realizzata da Martinelli Luce; Irene Infantes, professionista under 35, autrice della serie di tappeti “Trashumancia”, realizzato da cc-tapis.

“Nonostante le difficoltà degli ultimi mesi” dichiara l’Ambasciatore Guariglia “abbiamo voluto portare a termine un progetto che testimonia l’impegno e la vicinanza delle istituzioni al mondo del design. Le aziende italiane partner hanno fatto un lavoro straordinario, completando la realizzazione dei prototipi con l’intenzione addirittura di commercializzarne alcuni. Ci sembra questo il modo migliore per conseguire gli obiettivi principali del progetto: far conoscere ancora di più il design italiano in Spagna e favorire il collegamento tra il mondo creativo spagnolo e le imprese italiane del settore”.

L’iniziativa si inserisce nella strategia integrata “Vivere all’Italiana” del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale. (Patrizia Catalano)

Il Design: un viaggio tra Italia e Spagna