comunicazione

Scrivimi di te

Le newsletter sono autoriali, specializzate e progettate. Tanto che cominciano a essere una voce della subscription economy. Ecco come si fanno quelle che funzionano

Perché amo le newsletter

Sono newsletter-addict. E so bene che per realizzarne servono costanza e dedizione nei contenuti (e leggerezza più ironia nel tono di voce). Cosa ho imparato in due anni di invii alle vostre inbox, duecento newsletter dopo…

Perché amo le newsletter

Sono newsletter-addict. E so bene che per realizzarne servono costanza e dedizione nei contenuti (e leggerezza più ironia nel tono di voce). Cosa ho imparato in due anni di invii alle vostre inbox, duecento newsletter dopo…

I comunicatori del design, seconda puntata

Questa settimana parliamo di comunicazione con Giuseppe Gismondi, proprietario di Alam Per Comunicare, Paride Vitale, fondatore di Paridevitale Communication & PR, e Noona Smith Petersen di Smith Petersen PR & Communications

Un tratto lungo 20 anni

Grazie al giovane team di Ego.M, il set di strumenti per la scrittura disegnato nel 2001 da Achille Castiglioni e Gianfranco Cavaglià entra in produzione. (Soltanto) la stampa 3D in grafene ha permesso di realizzare la distintiva – e funzionale – forma trilobata. Per una presa salda ma vellutata

Un tratto lungo 20 anni

Grazie al giovane team di Ego.M, il set di strumenti per la scrittura disegnato nel 2001 da Achille Castiglioni e Gianfranco Cavaglià entra in produzione. (Soltanto) la stampa 3D in grafene ha permesso di realizzare la distintiva – e funzionale – forma trilobata. Per una presa salda ma vellutata

La mia full immersion in Clubhouse

Con Clubhouse è stato amore a prima vista. Reciproco: in pochi giorni il social dove contano solo le cose di cui si parla mi ha portata da zero a 5000 follower. Ma quanto durerà la luna di miele?

Perché @suonarestella è interessante

Il format Instagram @suonarestella di Paolo Stella mescola reality, tutorial, masterclass e shopping experience. L’influencer: “Ai marchi di design dico raccontate la vita, non i mobili”

Perché @suonarestella è interessante

Il format Instagram @suonarestella di Paolo Stella mescola reality, tutorial, masterclass e shopping experience. L’influencer: “Ai marchi di design dico raccontate la vita, non i mobili”

Oggetti significanti

Forma attuale di una tradizione lontana, BAM Design ha un nome onomatopeico che richiama il suono del martello sull’incudine. Tra la bottega del fabbro e l’approccio contemporaneo, le creazioni – artigianali e concettuali – parlano sardo senza bisogno di traduttore grazie (anche) alla potenza evocativa del progetto di comunicazione visiva firmato da Gianluca Vassallo

Carlo Noseda

Il mondo è in subbuglio e i marchi si chiedono come stare al passo con le loro comunicazioni. La risposta a questa domanda, secondo Carlo Noseda, ceo di M&C Saatchi, è “far accadere il cambiamento”

Branded magazine e giornalismo

Diventare editori significa, per un marchio, rafforzare il proprio percepito di voce autorevole nel settore. Ma per conciliare giornalismo e branded content serve trasparenza

Scrivimi di te

Le newsletter sono autoriali, specializzate e progettate. Tanto che cominciano a essere una voce della subscription economy. Ecco come si fanno quelle che funzionano

I comunicatori del design, seconda puntata

Questa settimana parliamo di comunicazione con Giuseppe Gismondi, proprietario di Alam Per Comunicare, Paride Vitale, fondatore di Paridevitale Communication & PR, e Noona Smith Petersen di Smith Petersen PR & Communications

La mia full immersion in Clubhouse

Con Clubhouse è stato amore a prima vista. Reciproco: in pochi giorni il social dove contano solo le cose di cui si parla mi ha portata da zero a 5000 follower. Ma quanto durerà la luna di miele?

I comunicatori del design | prima puntata

Come sta cambiando il modo di raccontare il design? Lo abbiamo chiesto a tre professioniste della comunicazione: Gabriella Del Signore (Ghénos), Giovanna Gagliardi (Gagliardi & Partners) e Marilena Puppi (OGS)

I comunicatori del design | prima puntata

Come sta cambiando il modo di raccontare il design? Lo abbiamo chiesto a tre professioniste della comunicazione: Gabriella Del Signore (Ghénos), Giovanna Gagliardi (Gagliardi & Partners) e Marilena Puppi (OGS)

Oggetti significanti

Forma attuale di una tradizione lontana, BAM Design ha un nome onomatopeico che richiama il suono del martello sull’incudine. Tra la bottega del fabbro e l’approccio contemporaneo, le creazioni – artigianali e concettuali – parlano sardo senza bisogno di traduttore grazie (anche) alla potenza evocativa del progetto di comunicazione visiva firmato da Gianluca Vassallo

Pura fonte di luce

Incantevole nella sua semplicità, WireLine di Formafantasma è una lampada essenziale che Flos racconta sul suo magazine con nuovi servizi fotografici d’autore. Come quello di Tommaso Sartori a Villa Ottolenghi dove, tra geometrie razionali accese da opere d’arte classica, spiccano le linee sinuose e fluttuanti di composizioni dall’anima industriale ma dalla vocazione artistica

Pura fonte di luce

Incantevole nella sua semplicità, WireLine di Formafantasma è una lampada essenziale che Flos racconta sul suo magazine con nuovi servizi fotografici d’autore. Come quello di Tommaso Sartori a Villa Ottolenghi dove, tra geometrie razionali accese da opere d’arte classica, spiccano le linee sinuose e fluttuanti di composizioni dall’anima industriale ma dalla vocazione artistica

Carlo Noseda

Il mondo è in subbuglio e i marchi si chiedono come stare al passo con le loro comunicazioni. La risposta a questa domanda, secondo Carlo Noseda, ceo di M&C Saatchi, è “far accadere il cambiamento”

Editori di se stessi

Ora che a parlare sono sempre di più i marchi (con i consumatori che rispondono sui social), qual è il ruolo di riviste e comunicatori? Chi riuscirà a depersonalizzare e rendere universale il proprio contenuto sopravviverà, dicono gli esperti

Editori di se stessi

Ora che a parlare sono sempre di più i marchi (con i consumatori che rispondono sui social), qual è il ruolo di riviste e comunicatori? Chi riuscirà a depersonalizzare e rendere universale il proprio contenuto sopravviverà, dicono gli esperti

Branded magazine e giornalismo

Diventare editori significa, per un marchio, rafforzare il proprio percepito di voce autorevole nel settore. Ma per conciliare giornalismo e branded content serve trasparenza