Progetto di Wespi de Meuron Romeo Architetti
Foto di Hannes Henz
Testo di Matteo Vercelloni

L’idilliaco paesaggio che Giacomo Leopardi descrive ne L’infinito – che “sedendo e mirando” il poeta coglie nei suoi “interminati spazi e sovraumani silenzi e profondissima quiete” – è quello che ancora in parte si conserva in questa parte d’Italia. Al quale questo progetto di restauro e ricostruzione si rivolge per sottili e calibrate soluzioni progettuali capaci di ricomporre la figura complessiva del piccolo insediamento agricolo composto da un casale principale affiancato da due volumi minori adibiti a stalla, forno, e da una tettoia aperta su tutti i lati.

Lo stato ammalorato delle costruzioni, dovuto al naturale scorrere del tempo era aggravato dalla semidistruzione del casale principale, un corpo compatto a pianta quadrata sviluppato su tre livelli segnato da un ritmo di aperture regolari, per la sua metà fortemente danneggiato da un incendio avvenuto nel 1995. Tale condizione ha dettato le linee dell’intervento, caratterizzato da un rapporto dialettico tra vecchio e nuovo, il cui programma prevedeva la realizzazione di una casa per vacanze con piscina, affiancata da una dépendance per gli ospiti.

Nel casale, le murature esistenti, compresa quella di pietra che divide in due parti distinte lo spazio interno, fungendo da spina centrale, sono state in gran parte risanate e conservate, mentre la copertura è stata ricostruita seguendo tecniche e sapori tradizionali: travature primaria e secondaria lignee, sottovista composto da tavelle di cotto, copertura esterna in coppi. All’involucro architettonico ricostruito e così ottenuto, segnato dal mattone a vista e dall’impiego per la copertura di materiali di tradizione, si affiancano i nuovi interventi e le scelte di segno contemporaneo.

Oltre al necessario risanamento statico, integrato e celato nella struttura esistente, nell’interno, di cui si è conservato il vuoto a tre livelli creato dall’incendio, si è operato evidenziando in modo astratto, con colore bianco continuo, le nuove solette e le nuove pareti divisorie. Scelta che insieme al pavimento chiaro continuo e senza giunti, crea un riuscito ritmo di distacco e contrappunto dalla ‘pelle storica’ della costruzione, dando alle nuove superfici anche la funzione di ‘schermi luminosi’ che catturano e amplificano la luce proveniente dall’esterno.

Dal punto di vista distributivo nello spazio a tutt’altezza, che dal pavimento raggiunge le travi del soffitto, è stata collocata la cucina a isola di acciaio inox e la zona pranzo prospiciente cui si sovrappone uno spazio aperto al terzo livello. La zona pranzo è affiancata dalla scala di salita e dal mezzanino aperto dello studio che, sopra l’isola cottura, si affaccia sulla grande tavola di quercia. Nella parte simmetrica della casa, conservata secondo l’originale impianto a tre livelli, è organizzata al piano terreno l’ampia zona living che unisce due ambienti affiancati conservando parte del setto divisorio.

Il luminoso soggiorno è rivolto verso la tettoia esterna e si affaccia verso la nuova vasca-piscina che ricorda nella sua lineare figura geometrica un’antica fontana di paese. In questa parte della casa i due livelli superiori accolgono la zona notte composta da quattro camere sovrapposte a due a due, con bagni indipendenti. Per la dépendance degli ospiti, ricavata nell’originaria stalla, si è operato per demolizione e ricostruzione, impiegando le vecchie mattonelle di cotto recuperate per ricomporre la piccola accogliente costruzione, nello stesso luogo e secondo le medesime dimensioni di quella precedente, ubicata a fianco del grande albero esistente.

Il forno a nord, di fianco all’ingresso, è stato trasformato in locale tecnico per la centrale termica. La costruzione accoglie nella nuova muratura verso strada il cancello elettrico scorrevole a scomparsa. Nella parte a sud, verso la scena aperta dei dolci movimenti delle colline coltivate, sopra la vasta pavimentazione esterna in cotto, a fianco della nuova vasca-piscina, la tettoia esistente è stata ricostruita come una stanza en plein-air poggiante su forti pilastri quadrangolari in mattone, corredata di cucina e tavolo fisso ligneo di raccordo tra due volumi di muratura che estendono in chiave d’arredo il cotto della pavimentazione.

Ulteriore e non ultimo legame con la storia del luogo giunge la piantumazione di un filare di pini a ovest della casa e di un piccolo uliveto a quincunx regolare a est, omaggio al paesaggio marchigiano e segno di appartenenza.

 

Foto di Hannes Henz
Testo di Matteo Vercelloni

gallery gallery
La trasformazione-ricostruzione della tettoia preesistente pensata come una stanza en plein air aperta verso il paesaggio. Tavolo fisso ligneo su disegno in rovere massello interposto tra due blocchi di muratura e tavelle di cotto. Sedie Toy Chair di Philippe Starck per Driade.
gallery gallery
Planimetria complessiva dell’insediamento che ha rispettato tracce e dimensioni dell’antico casale
gallery gallery
Vista della nuova vasca piscina che ricorda le fontane di paese e del fronte sud del casale principale.
gallery gallery
Primo piano
gallery gallery
Secondo piano
gallery gallery
La cucina di acciaio inox ricavata sotto il mezzanino dello studio e nel sottoscala.
gallery gallery
La zona pranzo affacciata verso la cucina, che è stata collocata nello spazio a tutt’altezza creatosi dopo l’incendio e conservato dal progetto di restauro nell’ala nord del casale.
gallery gallery
Tavolo su disegno di legno di rovere massell o, realizzato da 2G Furniture. Sedie Panton Chair bianche di Verner Panton per Vitra.
gallery gallery
Vista della zona living nell’ala sud del casale che conserva i tre livelli sovrapposti dell’impianto originario.
gallery gallery
Sezioni del casale da sinistra a destra; taglio sulla zona notte e zona living; sulla cucina e mezzanino dello studio; sulla zona pranzo e cucina in cui si evince lo spazio centrale a tutt’altezza.
gallery gallery
Uno scorcio della zona living con nuova parete centrale e camino.
gallery gallery
Vista di una camera da letto al secondo livello con bagno dedicato.