La nuova sede dello IULM milanese è parte del campus universitario formatosi nel tempo. In questa parte sud della città, nei pressi dei navigli, in bilico tra centro e periferia, che, in questa area del territorio si miscela con la campagna dei campi coltivati, l’edificio emerge per sintesi nella sommatoria volumetrica della scelta progettuale.

La torre rossa, progettata dallo studio 5+1AA, che si attesta sul fronte stradale si propone come elemento-guida dell’intero complesso. Un lato è sorprendentemente luminoso e trasparente; i blocchi di vetrocemento piramidali (appositamente disegnati) lasciano intravedere la rampa continua che caratterizza l’interno.

Scale di sicurezza di metallo color mattone si arrampicano sulle facciate insieme a una serie di oblò azzurri in aggetto, apparentemente in posizione casuale, ma che disegnano in realtà il ritmo figurativo d’insieme.

L’edificio-collage che unisce, affianca, incastra, elementi tra loro differenti, fa della torre il suo riferimento e da questa si sviluppa alle sue spalle la grande sala dell’auditorium avvolta da un guscio ellittico rivestito di piastrelle verdi diamantate che unisce esterno ed interno, proseguendo con la stessa finitura negli spazi coperti.

Sul fondo un parallelepipedo grigio con copertura a volta ribassata posto in parallelo alla strada, ricordo dei capannoni dei laboratori industriali dell’intorno, conclude l’ addizione compositiva dei volumi. Al suo fianco si sviluppa la stecca rettilinea della mensa rivestita di mattoni che dialoga con gli edifici esistenti del campus, raggiungendo il fronte sull’altro lato per disegnare al suo fianco la gradonata d’ingresso che raggiunge la torre ‘chiudendo il cerchio’.

Un’architettura-città che alla città è dedicata, nel riuscito tentativo di qualificarne margini e immagine.

Testo di Matteo Vercelloni – Foto di Ernesta Caviola

gallery gallery
La nuova sede dello IULM inserita nel paesaggio urbano dell’intorno.
gallery gallery
Vista interna dell’auditorium di 600 posti con poltrone su disegno prodotte da Poltrona Frau.
gallery gallery
Scorcio dell’incastro del volume ellittico rivestito in piastrelle diamantate verdi di Casalgrande Padana tra i volumi dell’edificio.
gallery gallery
Vista della torre attestata sul fronte stradale con un lato trasparente e luminoso composto da blocchi di vetrocemento piramidali di Seves Glassblock.