Archi che ricordano edifici razionalisti e definiscono poltrone o sedie ultraleggere, spirali che creano centritavola, piani sfaccettati per costruire oggetti e tavoli scultura... E lampade in marmo disegnate semplicemente con una linea, un cubo e una sfera

Fyra, tavolo in rovere naturale con piano di forma curvilinea e rettangolare insieme, diviso in quattro quadranti con venature a vista, di Alf DaFré. Gio Chair, sedia in massello di frassino sbiancato della collezione Greenkiss, progettata da Paolo Castelli, Hubert de Malherbe e Thierry Lemaire per Paolo Castelli. Swell I, tappeto in lana e seta della Reverence Collection by Fernando Mastrangelo per Edward Fields, Tai Ping. Desert Botanica, carta da parati in viniledi Studiopepe per Wall&decò.

Paris, lampada da tavolo design Studio Job per Qeeboo, inizialmente prodotta in edizione limitata e ora ridisegnata nelle forme e nei materiali: in plastica con diffusore in ottone e basamento dorato. Rappresenta la Tour Eiffel, architettura d’affezione per Studio Job, curvata verso il basso a creare una luce.

Dab Penguin, scultura in ceramica, firmata da Vittorio Gennari per Bosa, realizzata con la tecnica lowpoly, cioè con modello 3D a basso numero di poligoni. Il gesto del pinguino fa riferimento a quello che viene fatto dagli sportivi dopo una prestazione eccezionale ed è un richiamo alla sensibilizzazione per i pinguini in estinzione.

Lady Hio, tavolo con piano in cristallo trasparente extralight, gambe cilindriche e affusolate in marmo Nero Marquina con piastre di fissaggio e piedi in alluminio spazzolato anodizzato oro, design Philippe Starck per Glas Italia. Eclissi, lampada con stelo metallico, base cubica e bulbo luminoso in marmo Calacatta, design Eugenio Biselli per Franchi Umberto Marmi.

Super Rock, collezione Super Fake, tappeto in lana himalayana, seta e fibra di cotone, annodate a mano, design Bethan Laura Wood per Cc-Tapis.Green Desk, consolle dalle forme scultoree in legno massello laccato verde, di Kiki van Eijk per Exto.

Happylife, sofà outdoor modulare dalle forme essenziali che può diventare divano e piano d’appoggio, in polietilene bianco con imbottitura e rivestimenti tessili impermeabili, design Daniele Bedini per Slide. Desert Botanica, carta da parati in vinile di Studiopepe per Wall&decò.

Centrotavola Trinity, visto dall’alto, in acciaio colorato con resina epossidica nera, ispirato alla spirale della conchiglia; unisce la bellezza di una struttura naturale con i moderni processi di produzione; design Adam Cornish per Alessi.

Anna, poltrona con struttura metallica rivestita in cuoio naturale traforato, realizzata al laser con profili in acciaio finitura Palladium; sui braccioli e sullo schienale 144 archi simmetrici rimandano alle arcate del Palazzo dell’Eur a Roma, sede del gruppo: Fendi Casa by Luxury Living Group. Desert Botanica, carta da parati in vinile di Studiopepe per Wall&decò.

Foto di Paolo Riolzi