Piano cucina in libertà: Ordine di Adriano Design per Fabita è una zona cottura mobile (da appendere a parete)

Sviluppato da Fabita in collaborazione con Adriano Design, Ordine è un innovativo elemento per la cottura, formato da due piastre a induzione circolari che consentono di liberare il piano cucina: quando serve, è possibile servirsi di una piastra o di entrambe, per poi riporle nuovamente a muro terminato l'utilizzo. Le zone di cottura indipendenti l'una dall'altra permettono di usare contemporaneamente due pentole anche di grandi dimensioni, contrariamente a quanto avviene con i fuochi convenzionali, dove la distanza tra le varie zone risulta molto vincolante. Dal punto di vista dei materiali, sono stati impiegati vetro ceramico per le aree induzione, vetro per il settore comandi/display, tecnopolimero per i supporti delle zone induzione, mentre il cavo è rivestito con una calza tecnica protettiva. Soluzione salvaspazio altamente flessibile, Ordine, per la sua connotazione freestanding, può migrare tra diversi ambienti anche nel caso di riconfigurazioni di spazi e arredi. È disponibile in diversi colori e nelle versioni appesa o da appoggio.

A colpo d'occhio

Che cos’è?
Sono piastre a induzione circolari che permettono di liberare il piano cucina, con destinazione d’uso residenziale e contract.
Qual è il suo concept progettuale?
Creare un prodotto innovativo e flessibile che permetta, tra l'altro, di utilizzare in contemporanea due pentole anche di grandi dimensioni.
Di cosa è fatto?
Vetro ceramico per le zone induzione e vetro per la zona comandi/display. I supporti delle zone induzione sono in tecnopolimero. Il cavo è rivestito da una calza tecnica protettiva.
Come viene prodotto e dove?
Interamente in Italia, nello stabilimento aziendale a Serra San Quirico, provincia di Ancona.
Come viene realizzato?
Processi industriali con grande know-how dei prodotti a induzione. Tecnologie: stampaggio plastico, lavorazione legno e lamiera.
Cos’ha di speciale?
La possibilità di avere una cucina destrutturata, che trasforma gli arredi tradizionali in una serie di elementi liberi e flessibili.
Com’è?
Flessibile, salvaspazio, nomade.