Kilt, poltroncina disegnata da Marcello Ziliani per Ethimo, un mix di eleganza e naturalità perfetto per l’outdoor

Ethimo declina in due nuove versioni Kilt, nata dalla collaborazione con Marcello Ziliani: una sedia dining dalle linee pulite, adatta ad arredare con personalità spazi all’aria aperta. Un prodotto piacevole alla vista e al tatto, grazie all’accoppiata corda e teak, il cui intreccio si ispira all'indumento tradizionale scozzese, da cui la poltroncina prende il nome, originario della regione delle Highlands. In questa versione rivisitata, la caratteristica struttura in teak – certificato FSC, garanzia di una produzione realizzata con materie prime derivanti da foreste correttamente gestite – è abbinata a nuove cromie della corda naturale, reinterpretata in due inediti colori brillanti che si ispirano alle calde sfumature della vegetazione mediterranea. La fitta trama in Olive Green e Ruby Wine rinnova la facilità con cui questo arredo contribuisce a creare ambientazioni particolari, grazie alla sua eleganza e alle sue peculiari caratteristiche di solidità e comfort. Esteticamente accattivante, versatile, durevole ed ecosostenibile, Kilt ha dimensioni accoglienti che, insieme all'inclinazione dello schienale, all'ergonomia del bracciolo e alla morbidezza della seduta, la rendono molto confortevole anche senza l'utilizzo di cuscini. Un complemento ideale per valorizzare le zone esterne dei più diversi contesti residenziali e contract contemporanei.

A colpo d'occhio

Che cos’è?
È una seduta perfetta per arredare aree all’aperto. Si inserisce in raffinate terrazze sul mare, in moderni bistrot urbani o nelle aree lounge di ricercati resort.
Qual è il suo concept progettuale?
‘Natural feeling’ è il concept alla base della progettazione di Kilt, capace di fondere i concetti di estetica e funzionalità con l’attitudine innata a inserirsi in luoghi naturali, diventandone valore aggiunto. 
Come è fatta e con quali materiali?
Il legno di teak della struttura è un materiale altamente performante in ambienti outdoor, sia per la capacità di durare nel tempo e sia per la resistenza alle aggressioni degli agenti atmosferici. La corda in polipropilene, che costituisce la seduta e lo schienale, è perfetta per un’esposizione costante all’aria, senza pericolo di deterioramento.
Come viene prodotta e dove?
Prodotta in Indonesia, luogo di origine del legno di teak, dove la perizia nella lavorazione del materiale si combina all'abilità artigianale dell'intreccio. Viene selezionato esclusivamente legno di altissima qualità da piantagioni a ricrescita controllata, nel rispetto di rigidi processi di riforestazione.
Come viene realizzata?
La struttura in legno segue un processo industriale specifico che rende il prodotto finale leggero e resistente. Per lo schienale è prevista una lavorazione particolare che permette la tenuta strutturale e garantisce la robustezza attraverso giunzioni a pettine sfalsate. La corda è intrecciata a mano secondo le più tradizionali tecniche di tessitura.
Cos’ha di speciale?
Viene realizzata utilizzando materiali riciclabili al 100% nel rispetto dell’ambiente. Inoltre, il fatto che sia impilabile consente un preziosissimo contenimento dei volumi e degli ingombri in fase di stoccaggio e trasporto.
Com’è?
Solida, leggera, ecosostenibile.
Nelle parole del designer
“Kilt nasce dall’immagine della famosa fascia di tessuto che si avvolge attorno alla vita dei fieri abitanti delle Highlands scozzesi. Quest’immagine è stata di riferimento per dare forma allo schienale di sedia e poltrona lounge che avvolge la seduta restandone però staccato, così come il gonnellino lascia scoperte le ginocchia. E il sedile, con il suo intreccio di corde, rimanda agli incroci di linee del tartan, il famoso tessuto in lana utilizzato per identificare le diverse casate scozzesi.”