Padma di Barovier&Toso. Una lampada ottenuta con un'unica soffiata a bocca accoglie al suo interno un oggetto prezioso lavorato a coste da maestri vetrai

Il tempo è il primo ingrediente delle collezioni Barovier&Toso, la fornace vetraria di Murano che affonda le sue radici nel 1295. Un tempo passato, con il suo patrimonio storico e le tecniche artigianali di lavorazione che si tramandano nei secoli, e un tempo che guarda al futuro fatto di trasformazioni e innovazione nella tecnica e nell’estetica. Questa sintesi è rappresentata anche dalla nuova collezione di luci Padma, parola che in sanscrito significa “loto”. Ispirata alla pianta acquatica dalle antichissime origini e in particolare al suo fiore, unico a contenere in sé anche il frutto, Padma è interamente realizzata a mano in cristallo veneziano. E come il fiore di loto accoglie il suo frutto, così anche l’ampia ampolla in vetro ottenuta con un'unica soffiata a bocca accoglie al suo interno un oggetto prezioso lavorato a coste da maestri vetrai. Dotata di una fonte luminosa a led dimmerabile è disponibile in molteplici versioni da tavolo e a sospensione, con diffusori di forme diverse, sfumati nei colori bianco e grigio, e con i preziosi elementi interni colorati.


A colpo d'occhio

Che cos’è?
Una collezione di lampade da tavolo e a sospensione disponibile in tre e quattro varianti, tra cui anche una combinazione a grappolo che comprende tre diffusori e tre sorgenti luminose. È una luce che si rivolge a chi apprezza i prodotti interamente realizzati a mano che attingono alla tradizione reinterpretata in modo contemporaneo.
Qual è il suo concept progettuale?
La parola Padma, in sanscrito significa "loto". Ed è al fiore di questa pianta acquatica dalle antichissime origini che si ispira il progetto. Simbolo di eleganza, purezza e grazia nella letteratura classica di tante culture asiatiche, il loto possiede alcune caratteristiche molto speciali: è l'unico fiore, ad esempio, che quando sboccia contiene già il suo frutto con i semi sviluppati, rappresentando concettualmente l’unità intrinseca tra causa ed effetto, tra l'uno e il tutto. Reinterpretando questa peculiarità, Padma è stata concepita e disegnata per esprimere l’armonia, la sintesi tra le parti, il dialogo tra tradizione e innovazione.
Come è fatta?
La lampada è interamente realizzata in Cristallo Veneziano soffiato a bocca e lavorato a mano da maestri vetrai. Si compone di tre elementi: un diffusore esterno sfumato, realizzato con la tecnica dell’incalmo, un "frutto" racchiuso al suo interno, lavorato a coste e un elemento finale che completa la composizione, richiamando reminiscenze veneziane. La fonte luminosa è costituita da un led a 9w (1000lm CRI90) sviluppato appositamente che illumina un diffusore termoformato in nylon ed è completamente dimmerabile.
Come viene prodotta e dove?
Tutte le parti in vetro sono soffiate e lavorate a mano nella fornace di Barovier&Toso a Murano, mentre le parti metalliche disegnate dall’ufficio stile interno sono realizzate da artigiani locali.
Come viene realizzata?
Ottenuta con un'unica soffiata, l'ampolla esterna presenta un design molto pulito e una graduale sfumatura di colore, in bianco o in grigio, risultato di un sapiente gesto artigianale. Gli altri elementi, finemente lavorati con la tipica tecnica muranese delle costolature, hanno forme complesse e sofisticate che ricordano, in sezione, i petali di un fiore di loto aperto.
Cos’ha di speciale?
In Padma si confrontano, in primis, innovazione e tradizione che si riflettono nel dialogo tra il design e le tecniche di lavorazione attinte al patrimonio storico dell’azienda. L'anello di congiunzione sta in un nuovo approccio a quelle tecniche, rilette e impiegate per dar vita a un'estetica contemporanea.
Com’è?
Contemporanea, essenziale, fatta a mano.