Il Salone dell’haut-à-porter presenta i nuovi spazi espositivi – urban e cosmopolitan – ridisegnati da Italo Rota e Margherita Palli Margherita Palli per valorizzare il made in Italy

TheOneMilano

Fieramilanocity, padiglioni 3 - 4

dal 20 al 23 febbraio

Brusii di bottega e rumori di città fanno da sottofondo a The One Milano 2020, la fiera di moda femminile che svela i trend della prossima stagione A/W 2021 nei nuovi spazi espositivi completamente ridisegnati dall'architetto Italo Rota e dalla scenografa Margherita Palli per valorizzare il made in Italy, in collaborazione con il Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, ITA/ICE e Confartigianato.

Il concept It’s always Winter somewhere…C’è sempre un inverno da qualche parte nel mondo è rimanda alla circolarità del mondo moderno che azzera le distanze fisiche e culturali per vivere in un sistema senza più rigide stagioni.

 

 

Quella proposta è un’esperienza cosmopolita sostenibile  ispirata alla vivacità dei centri urbani.

In un melting pot visivo, culturale ed estetico le corsie diventano viali con enorme strutture evocative dalle forme organiche, mentre nella Piazza Del Fare gli artigiani mostreranno dal vivo la loro arte manuale.

È in scena la città con le sue contraddizioni e i suoi stridori, i suoi racconti e le comunità che la abitano.

Nella metropoli disegnata da Italo Rota e Margherita Palli gli stand si trasformano in palazzi pieni di persone e di storie e le piazze si confermano luoghi di incontro e di scambio, di relax e di riflessione.

Nel punto centrale d’accesso ai due padiglioni, nello snodo nevralgico disegnato dalle scale mobili – simbolo mai fermo di mall, aeroporti, metropolitane e stazioni svettano inaspettate gigantesche strutture a forma di montagna, alberi in versione winter, funghi e fiocchi di neve: sono le boule de neigesouvenir per antonomasia, oggetti colorati e slow che rendono l’esperienza del viaggio indimenticabile.