Sei aziende del network Theatro contribuiscono alla realizzazione del Centro di eccellenza in chirurgia pediatrica di Entebbe in Uganda

Sono in fase di ultimazione i lavori del Centro di eccellenza in chirurgia pediatrica di Entebbe in Uganda, fortemente voluto da Emergency per offrire cure gratuite ai bambini con necessità chirurgiche provenienti da tutta l’Africa.

Il nuovo Centro, modello di eccellenza medica, sostenibilità ambientale e progettualità all’avanguardia, sorge sulle rive del lago Vittoria, su un terreno di 120.000 mq messo a disposizione dal governo ugandese, a 35 km dalla capitale Kampala.

L’opera è stata progettata dagli studi Renzo Piano Building Workshop (RPBW) e TAMassociati e dall’ufficio tecnico di Emergency, in collaborazione con Milan Ingegneria (progettazione strutturale), Prisma Engineering (progettazione impiantistica), dagli architetti paesaggisti Franco e Simona Giorgetta e GAE Engineering (progettazione antincendio).

La prima pietra è stata posata a febbraio 2017 e nel corso del 2020 è previsto l’avvio delle attività sanitarie.

L’ospedale avrà 72 letti di corsia, 3 sale operatorie e tutti i servizi diagnostici e ausiliari necessari al suo funzionamento. La struttura funzionerà anche come centro di alta formazione. Inoltre è prevista anche una guest house con 42 letti, dedicata ai pazienti e ai loro famigliari.

L’ospedale è costruito con la terra di scavo: i muri portanti in terra cruda sono stati realizzati con l’antica tecnica, semplice ed economica, del pisé. Il centro avrà inoltre un impianto di circa 2.600 pannelli fotovoltaici in copertura, che ne soddisferanno parte del fabbisogno energetico. È previsto anche un giardino con 350 alberi.

Tra le realtà che hanno contribuito alla sua realizzazione ci sono Schüco Italia, Thema, Resstende, Pellinindustrie, AGC e Schneider Electric.

Le sei aziende – che fanno parte del network Theatro, un sistema poliedrico dedicato al mondo dell’architettura, pensato per fare progettazione, cultura e impresa – hanno collaborato in modo sinergico e coordinato per raggiungere i risultati richiesti da committente e progettisti, in termini di prestazioni e funzionalità.

Thema, partendo dalla tecnologia dei sistemi in alluminio Schüco, si è occupata della progettazione e realizzazione di soluzioni ad hoc su matrici speciali per i serramenti e le facciate, nelle quali sono stati integrati vetri di AGC, sistemi oscuranti interno vetro di Pellinindustrie e tende esterne di Resstende. Inoltre, Schneider Electric si è occupata dell’ottimizzazione dei sistemi di energia, completando così la necessità di un involucro edilizio intelligente.