Inedite soluzioni rendono massima la vivibilità a bordo di 64Steel Attila, il più grande yacht realizzato da Sanlorenzo

Con 1.600 tonnellate lorde, 64 metri di lunghezza, 5 ponti e una larghezza complessiva di 13,1 metri, 64Steel Attila è il più grande yacht finora realizzato da Sanlorenzo.

Esempio della maestria che distingue il celebre cantiere nautico nel realizzare proposte sartoriali capaci di tradurre le richieste dell’armatore anche su yacht di grandi dimensioni, 64Steel Attila presenta soluzioni inedite pensate per rendere massima la vivibilità a bordo, coniugate alle eleganti linee esterne ideate dallo studio Officina Italiana Design.

A connotare il layout dello yacht, la volontà di creare una continuità tra il Main Deck a poppa, dove si trovano l’area piscina e pranzo, e il Beach Club sul Lower Deck, attraverso una doppia scalinata.

Questa caratteristica consente così di vivere entrambe le aree, attorno alle quali ruota la vita sociale a bordo. Con lo specchio di poppa e le piattaforme laterali aperte, il Beach Club, che ospita inoltre sauna, hammam, sala massaggi e palestra au fil de l’eau, copre un’area di ben 78 metri quadrati.

Ammiraglia della linea di superyacht Steel di Sanlorenzo con scafi in metallo, 64Steel presenta diverse caratteristiche che la distinguono rispetto ad altre barche della stessa dimensione.

Tra queste, la scelta di riservare un intero ponte all’armatore, l’Owner Deck, che ospita la sua camera da letto dotata di una grande vasca idromassaggio all'esterno; la possibilità di poter imbarcare a mezza nave due tender di oltre dieci metri poiché i garage offrono l’altezza necessaria, come negli yacht di oltre 80 metri, mentre la sala macchine è a doppio livello; la larghezza complessiva di 13,1 metri, caratteristica tipica di yacht di oltre 70 metri; l’helipad per touch and go a prua che quando non è in uso diventa un solariumla piattaforma che può essere estesa da 64 a 70 metri.

 

Una curiosità – che si è rivelata una vera e propria sfida per il team di produzione – è stata la realizzazione di un enorme barbecue nella zona pranzo del ponte principale: una richiesta particolare legata alla nazionalità dell’armatore di origini argentinecoinvolto attivamente nella progettazione e nella costruzione dello yacht fin dall'inizio. La predisposizione di un fuoco aperto in uno spazio chiuso ha infatti richiesto l’utilizzo di acciaio inossidabile ignifugo A60 e l’installazione di un avanzato sistema di estrazione dei fumi.

Il ricercato progetto di interior design è stato curato da Francesco Paszkowski e Margherita Casprini che hanno lavorato a stretto contatto con il cantiere, ma soprattutto con l’armatore per configurare e definire spazi che rispondessero alle sue necessità e rispecchiassero i suoi desideri.

Per gli eleganti interni sono stati scelti materiali naturali come il teak, colori sobri come il bianco, il grigio e il marrone e l’acciaio che ‘percorre’ tutta la barca come elemento di connessione. Le paratie in vetro e tessuto donano tridimensionalità agli ambienti, mentre nelle lobby l’onice retroilluminato contribuisce a creare un’atmosfera più calda e avvolgente. 

Per i diversi spazi, essenziali e raffinati, pezzi disegnati ad hoc sono accostati ad arredi, complementi e lampade di aziende di design, tra cui Summit, De Sede, Flexform e Catellani & Smith.

L’equipaggio, alloggiato nel Lower Deck, dispone di percorsi riservati e indipendenti con due scale e un ascensore di servizio per il trasferimento rapido di merci fredde e secche nei vani di stoccaggio. Sotto, nel Tank Deck ci sono una cella frigorifera, una stanza per i rifiuti refrigerata, una sala multimediale per l'equipaggio, una lavanderia capiente e una cantina del vino climatizzata con una capienza fino a 500 bottiglie.

Le quattro cabine ospiti e la suite Vip a tutto baglio si trovano sul Main Deck.

A bordo di Sanlorenzo 64Steel Attila, è stata inoltre montata la prima plancia a realtà aumentata del mondo che ha trasformato l'area tecnica del capitano in una zona ancor più funzionale e accogliente, in linea con il design ricercato della barca.

Team Italia, azienda di riferimento internazionale nel campo dell’elettronica di navigazione per mega e maxi yacht, ha infatti sviluppato la soluzione brevettata I-Bridge che include sia un head up display trasparente da 55’’, a garanzia di funzionalità e sicurezza, sia l’esclusivo Electronic Chart table Team Italia.

Per realizzare questa innovativa soluzione, l’azienda italiana si è basata su un’‘architettura di elettronica distribuita, così da liberare gli spazi sfruttando linee e volumi più leggeri, assicurando al contempo la massima sicurezza a bordo.

Con la soluzione Head Up Display, le informazioni per la navigazione sono riportate sul display trasparente, rendendo così più semplice per il comandante consultare i dati senza spostare la sua attenzione dalla conduzione dello yacht.

Il display trasparente permette infatti di sovrapporre alla scena reale di navigazione le informazioni principali, come rotta, waypoint, bersagli AIS e ARPA, oltre ad avere a disposizione gli altri dati utili. A differenza dei sistemi di realtà aumentata, dove i dati sono sovrapposti all’immagine di una telecamera, la soluzione HUD permette di visualizzare i dati in trasparenza, senza perdere la visione dello scenario reale dai vetri dell’imbarcazione.