Dal 7 al 13 settembre 2020 - Un evento diffuso tra diverse città che culminerà in una tre giorni a Mosca in Gorky Park

Come spiegano gli organizzatori, la Russian Creativity Week desidera mostrare “il potere della creatività che ci permette di risolvere i problemi più complessi del nostro tempo e ottenere cambiamenti positivi nella vita delle persone”.

Una nuova piattaforma, volta a realizzare il potenziale economico delle industrie creative russe, verrà lanciata venerdì 11 Settembre a Gorky Park. In linea con l' “Anno Internazionale dell'Economia Creativa per lo Sviluppo Sostenibile” delle Nazioni Unite, la Russian Creativity Week ospiterà oltre 500 eventi, tra cui un forum d'affari, conferenze, masterclass, installazioni e spettacoli.

I visitatori troveranno 14 padiglioni a tema discipline creative a Gorky Park, ognuno curato da una figura di spicco del settore, tra cui: la co-fondatrice / direttrice di V-A-C Teresa Iarocci Mavica; il direttore d'orchestra Teodor Currentzis; il fondatore di Belgrade Design Week, Jovan Jelovats; il curatore d'arte Nikolay Palazhenko; il conduttore televisivo Vladimir Pozner.

Uno degli eventi principali sarà il business forum, durante il quale rappresentanti del governo, delle imprese e della comunità creativa discuteranno dello sviluppo dell'economia creativa e del fenomeno dei nuovi media.

Interverranno durante la settimana: il regista Timur Bekmambetov; il premio Nobel per la Fisica Konstantin Novoselov; Elena Bunina (Yandex); Arsen Tomsky (InDriver); i registi di MY.GAMES, Soyuzmultfilm; i direttori del Museo Pushkin, della Galleria Statale Tretyakov e del Garage Museum of Contemporary Art; Zhang Xiaochen (FinTech4Good); Per Pedersen (Gray Group), Lucas Krepaz (Festival di Salisburgo) e il compositore Martin O'Donnell.

Tra i primi partner, la Interni Designer's Week Milano, ideata da Gilda Bojardi, che afferma: "Siamo entusiasti di collaborare con Russian Creativity Week. Oggi c'è un obiettivo: trasformare una grande crisi globale in un'opportunità per fare di più, meglio di prima. La creatività è il collante che può connetterci, in modo sostenibile, con tutto il mondo. "