L’artista portoghese Joana Vasconcelos reinterpreta sei arredi di Roche Bobois. Per una buona causa

L’artista portoghese Joana Vasconcelos ha rivisitato sei tra gli arredi più rappresentativi di Roche Bobois utilizzando i codici artistici che la distinguono pur rispettandone l’essenza.

La sua creatività si interroga sul ruolo della donna nel mondo contemporaneo, omaggiando le tradizioni artigianali e il savoir-faire portoghese.

La vita quotidiana è la mia principale fonte di ispirazione"

Le sei opere – due sedie Ava, le poltrone Nuage e Lady B, i tavolini Sismic e Cute Cut e l’iconico divano componibile Mah Jong – sono state esposte in occasione della fiera d’arte contemporanea Arco, a maggio a Lisbona.

La mostra è ora diventata itinerante: dal 30 settembre al 4 ottobre, le opere reinterpretate sono state esposte presso lo showroom Roche Bobois di Ginevra, in collaborazione con la Galleria Gowen Contemporary; dal 14 al 20 ottobre approderanno nel negozio parigino di Avenue de la Grande Armée.

Le sei creazioni saranno poi esposte a Miami, dal 5 all’8 dicembre, in occasione di Art Basel, dove saranno battute all’asta.

L’intero ricavato della vendita sarà devoluto alla fondazione Joana Vasconcelos, organizzazione no-profit che ha come obiettivo quello di promuovere e sviluppare l’arte attraverso progetti educativi.

“La vita quotidiana è la mia principale fonte di ispirazione. Le mie opere sono concepite a partire dagli elementi e dai materiali del quotidiano. In quanto donna e portoghese, il sapere e i materiali tipici della mia cultura sono essenziali: gli azulejos che vestono così bene gli interni e gli esterni dei nostri edifici o i centrini realizzati a uncinetto presenti in tutte le case portoghesi e che rivestono i tappeti, i tavoli o le televisioni. Questa collezione in collaborazione con Roche Bobois rappresenta la perfetta unione tra arte, design e vita” racconta Joana Vasconcelos