Arcadis Italia presenta Digital Asset Lifecycle, The Big U e Arcadis City of 2030 Accelerator

Arcadis Italia ha offerto durante l'ultima edizione di Ecomondo (5/8 novembre) alla Fiera di Rimini, un approfondimento sulla Digital Asset Lifecycle. Attraverso le sue quattro linee di business (Environment, Water, Buildings, Infrastructure), può supportare i propri clienti durante l’intero ciclo di vita di un asset: studio di fattibilità, progettazione e pianificazione di sviluppo, riconversione, gestione e manutenzione.

Lo stand di Arcadis era caratterizzato da una grande backlight raffigurante l’isola di Manhattan e il progetto co-realizzato da Arcadis e commissionato dalla città di New York City: The Big U. A seguito dei danni procurati dall’uragano Sandy, la città di New York ha deciso di dotare l’isola di Manhattan di un sistema di difesa da inondazioni integrato con il sistema urbano, sostenibile ed utilizzabile quotidianamente dalla popolazione. Sono state progettate aree verdi, piste ciclabili, campi da basket e molto altro.

Nelle quattro giornate di Ecomondo è stato inoltre presentato il programma Arcadis City of 2030 Accelerator sviluppato in collaborazione con Techstars. L’obiettivo è di valorizzare start-up basate su software innovativi finalizzati a migliorare la qualità della vita delle città in tutti i settori: mobilità, resilienza, risorse (energia, acqua, cibo e aria), sviluppo e rigenerazione urbana.

In merito al tema della resilienza delle città, Arcadis, grazie ad un approccio integrato, fornisce una comprensione approfondita dei rischi cui le città e gli abitanti sono sempre più sottoposti, consentendo ai propri clienti di identificare e dare la priorità agli investimenti necessari ai fini di aumentare la resilienza dei centri urbani, massimizzarne i benefici e salvaguardare le risorse critiche.