L'azienda del settore del bedding reagisce alle avversità riconvertendo una parte della produzione per realizzare mascherine chirurgiche certificate da donare a enti e strutture

Chi non ha affrontato le avversità non conosce la propria forza e questa è decisamente un’avversità inaspettata che sta chiedendo a tutti noi di essere affrontata con coraggio e saggezza. Nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo” racconta Paolo Luchi, Sales & Marketing Director di PerDormire, azienda di riferimento nel mondo del bedding. “Ma come io amo ripetere la vita è per il 10% ciò che ti accade e per il 90% come tu reagisci alle cose. E noi abbiamo reagito riconvertendo una parte della produzione per realizzare mascherine chirurgiche certificate da donare a enti e strutture nazionali e locali”.

Brand di Materassificio Montalese, PerDormire non è nuovo ad attività di charity, come la collaudata collaborazione con Fondazione ANT, ma per questa emergenza specifica ha messo a disposizione i suoi stabilimenti, i suoi uomini e la sua expertise per produrre uno dei materiali sanitari salvavita.

“Proveremo a produrre più di 1.000 mascherine al giorno” prosegue Paolo Luchi “per cercare di supportare quanto più possibile enti locali e nazionali, partendo naturalmente dal nostro territorio, il Comune di Pistoia”.

Un’avversità inaspettata che sta chiedendo a tutti noi di essere affrontata con coraggio e saggezza"

Le mascherine saranno consegnate alla Protezione Civile del Comune di Pistoia, alla Croce Rossa di Firenze e a quella nazionale, a due sedi della Croce Bianca Lombarda (San Colombano e Sant’Angelo) e a più case di riposo in Toscana e in Lombardia, epicentro dell’emergenza nazionale.

Alla Croce Rossa Italiana sono stati anche donati 1000 guanciali e alla Protezione Civile di Firenze tutti i materassi necessari per il nuovo ospedale da campo che è stato costruito recentemente.

“Abbiamo voluto sdoppiarci su due realtà diverse: una locale in Toscana perché è il nostro territorio e l’altra in Lombardia che continua a essere la regione più colpita da questa epidemia” dichiara Antonio Caso, amministratore unico di PerDormire. “Anche la scelta di aiutare le case di riposo non è stata casuale. Questo virus ha portato via in maniera violenta e inaccettabile molti genitori, nonni, persone anziane che se ne sono andate senza nemmeno il conforto della propria famiglia. Ecco, per tutti loro e in loro memoria vogliamo aiutare gli operatori delle case di riposo a salvaguardare la propria salute e quella dei loro ospiti”.

Come per tutte le aziende del comparto manifatturiero, PerDormire dovrà affrontare un periodo pieno di difficoltà legate alla riapertura dei 120 punti vendita e alla ripresa a regime della produzione: un periodo carico di incognite, ma il management dell'azienda sta già strutturando una strategia per affrontarlo e dare nuovo impulso alle vendite.

PerDormire non dorme: tiene occhi e cuori aperti per la solidarietà"