Napoli, 2 - 30 marzo 2019

Napoli, 2 – 30 marzo 2019 – Refettorio dell’ex Biblioteca del Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore – 

BRAU Biblioteca di Ricerca di Area Umanistica dell’Università degli Studi di Napoli Federico II – Spazio NE

 

La personale Michael Rotondi. Ca piogg’ dint’ ‘o cor’ si configura come un omaggio al capoluogo partenopeo. La scelta stessa del dialetto all’interno del titolo (citazione della canzone Tu t’e’ scurdat ‘e me del celebre artista napoletano Liberato) suona come una dichiarazione d’amore a Napoli.

La personale, a cura di Marina Guida, si presenta come un progetto site specific cui va ad aggiungersi un segmento antologico di lavori che compendia la vicenda creativa dell’artista: dalla pittura su tela alla pittura digitale, dalle sperimentazioni in motion graphic alle installazioni ambientali.

I tre spazi scelti per ospitare i nuovi approdi della ricerca di Rotondi diventano ambienti installativi. I tre allestimenti sono da considerarsi come un’unica installazione diffusa che, attraverso media e linguaggi differenti, intende sviluppare una narrazione della città di Napoli.

Rotondi mescola con un approccio punk, tradizione e innovazione, spaziando dall’arte antica all’illustrazione. In alcuni lavori, il racconto di un microcosmo che parte dalla periferia del capoluogo campano diventa il racconto di una generazione, con i suoi sogni, le speranze e i turbamenti, nei quali il pubblico è chiamato a identificarsi mediante le differenti modalità fruitive messe in campo dall’artista.