Giovane designer autodidatta, Clara Arpini ha fondato Nodo2014, un brand di arredi e complementi che reinterpreta in chiave moderna le antiche tecniche di tessitura e impagliatura. Per la collezione Nostalgica – ritratta in scatti dall'allure analogico – si ispira ai bar e alle trattorie degli anni ‘60

Ricerca e recupero, di elementi, tradizioni e mestieri, danno vita al mio lavoro di rilettura del tempo e del design. Le mani sono il mio strumento”. Si presenta così Clara Arpini, giovane designer milanese autodidatta, mente e mani, appunto, di Nodo2014.

Classe 1987, di formazione umanistica, mentre lavora (anche) nella trattoria di famiglia, devia il suo percorso che si fa più tattile quando, da sola, impara a intrecciare usando la struttura di una vecchia sedia della nonna. Recupera quindi un'antica tecnica della tradizione italiana, l’impagliatura, che reinventa attraverso lo studio e la sperimentazione di nuovi metodi e materiali per poi applicarli a sedute della memoria’ apparentemente senza più valore, donando loro un nuova personalità.

Nasce così Nodo2014, un progetto fondato sulla valorizzazione della tradizione artigiana e sul recupero delle antiche tecniche di impagliatura e tessitura per dare forma a svariate texture e suggestivi contrasti materici.

Nel 2014, nel suo laboratorio di Cassano d’Adda (Milano), Clara ha cominciato a ideare e produrre intrecci di filati lavorando su strutture già esistenti, come alternativa all’imbottitura e all’impagliatura. Grazie alla stretta collaborazione con artigiani locali, ha poi iniziato a occuparsi dell’intero progetto, disegnando anche la struttura e curando ogni dettaglio della realizzazione. Oggi prendono vita elementi di arredo, quali sedute e tavolini da caffè, accessori per la casa come paralumi, cesti e tappeti, realizzati con filati di vari materiali, intrecciati esclusivamente a mano. Un omaggio alla lentezza del saper fare, in cui le scelte ponderate dei materiali e gli accostamenti cromatici rappresentano la connessione tra passato e futuro.

Ispirate a un passato nostalgico ma plasmate con un design attuale, le prime due collezioni di Nodo2014 si distinguono per la ricercatezza dell’intreccio che spazia dal variopinto alle forti campiture di colore.

 

La nuova collezione di arredi nasce dalla volontà di rallentare, di riappropriarsi di una gestualità spontanea e di una convivialità genuina. Nostalgica reinterpreta infatti le sedute con struttura in tubolare metallico e con seduta e schienale tessuti in filati di pvc che hanno popolato i bar italiani degli anni ‘60. Attinge dai ricordi d’infanzia di Clara, legati ai tanti momenti passati nella trattoria di famiglia, dove oggi rivivono i suoi prodotti, ritratti in alcuni scatti fotografici di Alessandra Di Consoli dall'allure analogico.

Disegnata e realizzata da Clara Arpini con il supporto e la collaborazione di un artigiano milanese, la linea è composta da cinque elementi d'arredo dai nomi accoglienti e familiari: la poltroncina Ada, la sedia Anita, la panca Adele, lo sgabello Aldo e il coffee-table Auro.

Per l’intreccio che caratterizza tutti gli arredi Nostalgia, Clara ha scelto un filato in polipropilene certificato Okeo-Tex e rispettoso del regolamento Reach, privo quindi di sostanze nocive, tossiche e bioaccumulabili, oltre che completamente riciclabile.

L’ispirazione della collezione viene dal passato, lo sguardo però è volto al futuro. Lo testimonia la scelta di creare un prodotto duraturo, realizzato con un materiale resistente, in grado di crescere – e cambiare – con chi lo ha scelto, potendo essere ri-vestito’ più volte nel corso del suo ciclo di vita. Un prodotto senza tempo, che addirittura si evolve; non passa di moda, al contrario, ridà personalità e vita: un prodotto davvero sostenibile.

La struttura in ferro, disponibile in bianco o in nero, viene letteralmente vestita’ grazie alle numerose tipologie di intrecci tra trama e ordito e alla combinazione dei colori. Ogni accostamento, geometrico e cromatico, è studiato accuratamente. Tutti gli arredi, in vendita sullo shop online Artemest, sono adatti ad ambienti indoor, sia residenziali sia contract, e, utilizzando filati in poliestere sottoposto a trattamento anti UV e idro repellente, sono ideali anche in location outdoor.

Da trama e ordito prendono forma le texture, coloratissime o optical, contemporanee, retrò oppure classiche, che donano personalità ad ogni elemento d'arredo. Con l’ausilio di programmi grafici, Clara disegna e studia le trame degli intrecci che andrà a tracciare direttamente sulle strutture. La scelta delle tonalità avviene soltanto alla fine del processo creativo, in modo lento e naturale, seguendo l’ispirazione dell’intero progetto.

Perchè quello di Nodo2014 è un progetto ispirato: giovane e antico, nostalgico e avveniristico, famigliare e analogico e al contempo social. Un progetto che tesse oggetti e relazioni, semplici, genuini. Onesti. Come l'atmosfera in una trattoria negli anni ’60.