Louis Vuitton apre uno scenografico – e fluttuante – spazio che ospita il primo caffè del brand francese, oltre a un esclusivo ristorante

Nata dalla stretta collaborazione tra Jun Aoki e Peter Marino, architetti che condividono una relazione di lunga data con Louis Vuitton, la nuova Maison Osaka Midosuji sembra un'imbarcazione a vela.

Candida, leggera e ariosa, la struttura, ispirata al tradizionale battello mercantile Higaki-Kaisen, rimanda a vele fluttuanti: una nave che galleggia sull'acqua in una città dalla lunga tradizione marinara.

L'iconico edificio è stato pensato per riflettere il patrimonio culturale di Osaka, principale porto del Giappone, e per enfatizzare la posizione – e rilevanza – della città, sempre più al centro di viaggi internazionali.

All’interno, Peter Marino ha seguito le stesse ispirazioni del progetto architettonico: nei quattro piani del negozio, infatti, aleggia sia un’atmosfera marittima sia la cultura tradizionale giapponese.

Inoltre, la Maison Louis Vuitton Osaka Midosuji è la prima tra i negozi Louis Vuitton ad ospitare un caffè all’interno del suo spazio.

Gestito in collaborazione con il celebre chef giapponese Yosuke Suga, Le Café V, si trova all’ultimo piano e precede l’ingresso, nascosto dietro una porta in stile speak-easy, dell'esclusivo ristorante Sugalabo V, aperto solo la sera. L’ampia terrazza e il suo bar adiacente possono invece essere visitati sia durante il giorno che la sera.