October 1, 2020 - 5pm
Meeting Point Istituto Marangoni Via Cerva 24 Milano

L'incontro è l’occasione per fare il punto sulle nuove strategie e sistemi dell’economia circolare. Modelli di produzione e consumo sostenibili, ricerca e innovazione, potenziamento delle infrastrutture digitali, sono i driver della ripartenza del nostro Paese, i cardini dello sviluppo sui quali lavorare per il futuro del nostro pianeta e la valorizzazione dei territori. E le imprese Green, lo conferma il Rapporto GreenItaly 2019, innovano più delle altre: il 79% ha sviluppato attività di innovazione, contro il 61% delle non investitrici. Innovazione che riguarda anche i processi produttivi 4.0 che sempre di più puntano a trasformare gli scarti di produzione e i rifiuti in una risorsa, anche economica.

Moderator Laura Traldi, giornalista

Il talk è stato realizzato con il sostegno di Eni

Speakers


Andrea Corona, sustainability consultant, Quantis - Ph. Arnaud Mallez
°
Consulente esperto in sostenibilità con una comprovata esperienza nel settore dei servizi ambientali. Forte background tecnico con un dottorato di ricerca in Life Cycle Assessment (LCA) presso la Technical University of Denmark (DTU) e un Master of Science (MSc) incentrato in Ingegneria dei materiali presso l'Università degli Studi di Padova. Principali aree di competenza: circular economy, material ecodesign e product stewardship.

Maria D'Ambrosio, presidente Associazione F2Lab/designer thinking
°
Maria D'Ambrosio è professore associato di Pedagogia generale e sociale presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli dove è responsabile del gruppo di ricerca ‘Embodied Education’ ospitato dalla Fondazione Morra a Casa Morra. Membro del Comitato scientifico del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica, del Comitato Tecnico per il Patrimonio Culturale Immateriale della Regione Campania e di altre istituzioni scientifiche e culturali. Co-fondatrice e presidente dell’Associazione culturale F2Lab che lavora per connettere Arte e Impresa in chiave di rigenerazione e benessere sociale e territoriale. Programme Director del Club Napoli del Soroptimist International, vincitrice dello Standout Woman Award 2019, scrive per il suo blog ‘Artificio’ su Nòva del Sole24ore, è autrice di pubblicazioni scientifiche e saggi di carattere divulgativo.

Gianluca D'Aquila, responsabile dello sviluppo del progetto Waste to Fuel, Eni Rewind - Ph. Maurizio Marcato
°
Laurea in ingegneria meccanica, lavora in Eni dal 1999 assumendo posizioni crescenti in diversi siti (Priolo, Manfredonia) e successivamente diventando program manager per gli interventi ambientali nella regione Sardegna. Da agosto 2015, è responsabile della Logistica Ambientale, unità che gestisce i rifiuti, in qualità di intermediario, di tutte le Business Unit di Eni. Attualmente è responsabile dell'unità TAF Management di Eni Rewind, unità che gestisce gli impianti di trattamento delle acque di falda, gli impianti di trattamento delle acque reflue industriali e civili, nonché gli impianti di bonifica dislocati sul territorio nazionale. Nel dicembre 2018 Eni Rewind ha avviato l'impianto pilota Waste to Fuel a Gela, impianto che trasforma la frazione organica dei rifiuti in bio olio, bio metano e acqua. Dal gennaio 2020 l’ing. D’Aquila è responsabile del progetto "Sviluppo Waste to Fuel - FORSU".

Stefano Panterotto e Alexis Tourron, designer e co-founder dello studio Panter&Tourron
°
Panter&Tourron sono uno studio creativo fondato da Stefano Panterotto e Alexis Tourron a Losanna, Svizzera. Costantemente alla ricerca di nuovi materiali e soluzioni innovative, lo studio realizza prodotti ed esperienze visive volte all’incontro tra design, tecnologia e cultura. Collaborano con editori e partner su progetti commerciali e di ricerca, curando il design del prodotto e dello spazio, design strategy e direzione creativa.

Maria Porro, presidente Assarredo-FederlegnoArredo
°
Con una formazione artistica, Maria Porro è direttore marketing e comunicazione della Porro S.p.A., marchio storico del design italiano fondato dal bisnonno Giulio nel 1925. Ha sempre mantenuto uno stretto legame con l’impresa di famiglia e con il mondo del design, collaborando con il padre Lorenzo Porro e con lo studio Lissoni Associati nelle ricerche stilistiche e nello sviluppo di nuovi prodotti. Nel 2014 entra stabilmente in Porro occupandosi di rafforzare la rete commerciale internazionale e di rinnovare le strategie di comunicazione, fino ad assumere l’incarico attuale. Nel 2017 promuove l’ingresso di Porro in Altagamma, dove dal 2019 rappresenta l’azienda in modo attivo all’interno del CDA. Nel 2017 entra nel Consiglio Direttivo di Assarredo e dal 2019 è parte del Consiglio Generale di FederlegnoArredo.