Interni Café presso Café della Stampa - Cersaie - BolognaFiere - Centro Servizi - Agorà dei Media Mercoledì 25 settembre - ore 12.00 L'architetto Cino Zucchi in conversazione con Gilda Bojardi, direttore Interni, sul valore progettuale e ambientale delle facciate e sulla loro interazione con lo spazio circostante

L’architetto milanese Cino Zucchi, founder dello studio CZA Cino Zucchi Architetti, dibatte con Gilda Bojardi, direttore di Interni Magazine, sul tema Identità Ceramica. Superfici e progetto architettonico. La conversazione si focalizza sul rapporto sinergico tra superficie di rivestimento di un edificio di nuova realizzazione e il contesto ambientale in cui si insedia. In particolare la ceramica e il laterizio, utilizzati da Zucchi in molti progetti recenti per le loro qualità estetiche ed ecosostenibili.

Secondo Zucchi l’architettura contemporanea agisce spesso in un contesto storicamente stratificato, dove si trovano edifici costruiti per contesti che erano molto diversi da quelli attuali. Compito dell’architettura contemporanea è farsi interprete delle necessità dell’oggi nel rispetto della molteplicità di stili con cui va a dialogare.

Per questo, quando si progetta un edificio, urbano o extra-urbano, occorre valutare l’importanza della facciata dal punto di vista espressivo, formale, di finitura di materiali. Ció non sempre accade, ci si trova spesso di fronte a una banalizzazione del concetto di genius loci: troppo spesso si considerano molto simili città che hanno delle differenze sostanziali tra loro.

E' fondamentale, per poter progettate nel rispetto dei luoghi, attivare una maggiore disponibilità all’ascolto, che consenta di intercettare le differenze e le qualità di dove si va a operare, solo così sarà possibile intervenire in modo innovativo e aprire un dialogo efficace tra passato e presente.