IGuzzini ridefinisce l’illuminazione urbana della capitale danese, nel quadro del CPH 2025 Climate Plan

Da diversi anni Copenaghen è ufficialmente proiettata verso un futuro sostenibile.

Molti sono i fattori che hanno contribuito a renderla un esempio virtuoso a livello mondiale e, tra questi, vale la pena citare il sistema di mobilità pubblica, attualmente il più evoluto in Europa.

Già European Green Capital nel 2014 e vincitrice dell’European Prize for Urban Public Space nel 2016, la capitale danse è da qualche anno oggetto di un piano di lungo periodo – il CPH 2025 Climate Plan – che la guiderà verso il raggiungimento dell’obiettivo 0 emissioni di CO2 entro il 2025.

In questo quadro rientra anche la scelta della Municipalità di Copenaghen di provvedere alla conversione a led di tutta l’illuminazione pubblica.

Il progetto, lanciato nel 2013, si proponeva di sostituire 18.800 punti luce in tutta la città, passando da sorgenti tradizionali ad apparecchi a led. L’obiettivo iniziale, fissato in accordo con Citelum, società del gruppo EDF incaricata della gestione del sistema di illuminazione pubblica, era di favorire un risparmio di energia elettrica pari al 90% ma, grazie alle sostituzioni finora realizzate, è già stato raggiunto il 95%.

Il piano ha avuto avvio con i luoghi simbolo di Copenaghen, per poi essere esteso alla totalità degli apparecchi cittadini.

iGuzzini ha fornito apparecchi per illuminare diverse aree di interesse della città, tra cui il nuovo impianto di termovalorizzazione Copenhill, sull’isola di Amager.

Proiettori su palo Maxiwoody illuminano la Borsa e il Parlamento nel centro storico e sono stati poi utilizzati in altre aree della città, come il distretto di Nordhavn, un tempo area portuale e industriale ora al centro di un intervento di riqualificazione firmato da Cobe, Sleth, Polyform e Rambøll, che la trasformerà in un quartiere vivace e connesso con il resto della città. Un restyling che ne cambierà la destinazione d’uso – in abitazioni, uffici, scuole, centri culturali e attività commerciali – senza però modificarne gli elementi riconoscibili, come i due silos della Aalborg Portland, ora sede di uffici.

Sebbene realizzata con gli stessi proiettori Maxiwoody, l’illuminazione varia al variare dei luoghi.

Sulle facciate del Palazzo della Borsa e del Parlamento si è ricercata un'omogeneità che annullasse le zone d’ombra e permettesse di cogliere tutti i particolari architettonici. Il primo edificio, per esempio, risalente al 1625, è caratterizzato da un tetto di rame verde e dalla cosiddetta Guglia del Drago, alta 56 metri e formata da 4 code di drago attorcigliate, ora perfettamente leggibili nella notte.

Nell’area di Nordhavn, invece, i Maxiwoody assicurano un livello di illuminamento orizzontale adeguato, fondamentale per garantire la sicurezza pubblica e, in alcuni casi, contribuiscono con ‘tocchi  mirati a sottolineare la piacevolezza di una passeggiata lungomare.