A Roma, tour guidati, mostre, workshop, eventi, fisici e on line, dedicati alla scienza e alle sue architetture

Roma, dal 16 luglio al 2 agosto

 

Roma come luogo della scienza e della ricerca. È questo il focus del festival  Genius Loci. Dove abita il genio che aprirà le porte dei luoghi dove la scienza vive, in un momento storico in cui, a causa della pandemia, l’importanza della ricerca è sotto gli occhi di tutti.

Una grande rassegna di eventi tutti gratuiti: mostre, workshop, tour guidati per far conoscere a un pubblico allargato i posti e i protagonisti di una Roma meno nota, non la città dei fasti antichi e dell’arte ma quella, proiettata verso il futuro, dell’eccellenza nel progresso tecnologico, dei suoi tanti centri internazionali di ricerca e sperimentazione scientifica, che ne fanno un punto di riferimento nel mondo.

L’Agenzia Spaziale Italiana, l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il CNR, il CREF - Centro Ricerche Enrico Fermi dei ragazzi di via Panisperna’ e ancora l’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, fiore all’occhiello della ricerca in Italia e motore della lotta al Covid-19, sono solo alcuni dei luoghi normalmente inaccessibili che è possibile visitare grazie a tour guidati, che ne raccontano l’attività, la storia e le bellezze architettoniche.

Il festival, realizzato dall’associazione culturale Open City Roma con la curatela di Laura Calderoni, giunge quest’anno alla sua terza edizione e diventa un format triennale con un programma che si articolerà annualmente dal 2020 al 2022.

La scienza viene raccontata in modo semplice, ironico e multidisciplinare, attraverso il coinvolgimento di istituzioni e associazioni impegnate su fronti differenti, che restituiscono un’immagine della ricerca articolata e ricca di sfumature.

Il programma completo delle iniziative qui.