Alto 81 metri e decorato al suo interno da un ‘muro verde’ di 60 metri, l'edificio direzionale dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ad Amsterdam è rivestito con gres porcellanato firmato Ceramiche Refin

Trasferita da Londra ad Amsterdam, l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha il suo quartier generale in un grande building di nuova costruzione, realizzato da Dura Vermeer e  Heijmans su progetto dell'architetto Fokke van Dijk dell'Agenzia Immobiliare del Governo Centrale in collaborazione con MVSA Architects e Fokkema & Partners. Alto 81 metri circa, ospita uffici, luoghi di lavoro, sale riunioni e ambienti per congressi per un totale di 1.300 lavoratori.

Responsabile della qualità e della sicurezza dei nuovi medicinali, per esseri umani e animali, consentiti sul mercato europeo, l'EMA ha – e avrà – un ruolo decisivo nel controllo e nell'autorizzazione del vaccino anti Covid-19.

All'interno, la sede si connota per uno scenografico giardino verticale dalle forme sinuose e organiche, progettato da OKRA Landschapsarchitecten, che dall'ingresso, al livello della strada, sale fino alla cima dell'edificio. Più di 52.000 piante compongono il muro verde alto 60 metri che attraversa anche il giardino pensile e la sala caffè.

Grazie alle soluzioni sostenibili adottate, l'headquarter di EMA ha ricevuto la certificazione BREEAM Excellent.

Nel maggio 2018, due mesi dopo la firma ufficiale del contratto, è stata realizzata la prima parte dell'edificio. In diciotto mesi, laddove normalmente ci sarebbe voluto il doppio del tempo, il Building Combination EMA ha costruito, rifinito e consegnato l'edificio completo che conta una superficie complessiva di 39.000 mq distribuita su 19 piani.

Dura Vermeer, Heijmans e i partner coinvolti (a Fokkema & Partners Architecten, MVSA Architects e OKRA Landschapsarchitecten si aggiungono DGMR, DWA, SDR Elektrotecniek, Van Dorp, Van Rossum) si sono detti orgogliosi di questo importante risultato, frutto di un lavoro di squadra, mai raggiunto in Olanda con questa modalità e nel rispetto di tempi così stretti.

I progettisti del nuovo edificio direzionale hanno scelto di rivestire i grandi ambienti in gres porcellanato italiano, firmato Ceramiche Refin.

È stata selezionata la collezione Blue Emotion, ispirata ai toni intensi e dark della Pierre Bleue di origine belga, particolarmente adatta a rivestire ampi spazi che devono restituire a chi li vive e a chi li visita una percezione di qualità, pulizia e resistenza ma al contempo di accoglienza, senza risultare freddi e asettici.

Create con diverse lavorazioni, sono due le linee compongono la collezione Blue Emotion. Scié reinterpreta la superficie liscia generata dal taglio della pietra che si distingue per le tracce lasciate dalle lame e le bande di nuance differenti. Flammé riprende invece la particolare finitura fiammata, dotata di sfumature grigie scure, quasi nere, che la pietra naturale assume quando viene trattata con fonti di calore intenso.