Tre mini loft che coniugano ospitalità e arte contemporanea in una dimora del 1800 nel cuore di Trento

Composta da tre mini loft sviluppati come open space, Casa Trentini è una dimora risalente al 1800 nel centro storico di Trento, che propone un inedito concept che unisce ospitalità, territorio e arte contemporanea.

Le pareti dei tre appartamenti sono rivestite da Carte, progetto d’arte declinato su carte da parati a cura di Giovanna Felluga e prodotto da Inkiostro Bianco.

I primi artisti invitati – Donatella Spaziani, Riccardo Previdi e Patrick Tuttofuoco – iniziano un racconto visivo che, come in un gioco a staffetta, si evolverà nel tempo dando spazio ad altri artisti e ad altre ambientazioni.

 

Fabio Pasini dello studio di architettura Krej ha sviluppato soluzioni abitative inedite: al centro di ogni stanza si ergono strutture/installazioni di ferro e vetro stratificato che diventano, di volta in volta, elementi d'arredo funzionali.

Ogni dettaglio è stato disegnato e realizzato su misura da maestranze locali. Una fitta rete di fornitori ha infatti ideato prodotti in edizione limitata e/o custom: dalle sedute, sgabelli e poltrone Randa di LucidiPevere di Arrmetpersonalizzate ad hoc da Riccardo Meterc, ai vetri interni, studiati appositamente nel colore e nel grado di trasparenza da Po.Lo Glass.

A Casa Trentini l’esperienza inizia all’interno per estendersi verso l’esterno attraverso una serie di attività e proposte pensate per gli ospiti: dagli sport estremi legati alla montagna e al lago a momenti di relax e beauty fino a degustazioni di enogastronomia locale.

Primo esempio di Atemporary Art Apartments, il progetto ideato da AtemporaryStudio di Samantha Punis e Giovanna Felluga vuole mostrare e raccontare le eccellenze del Trentino, enfatizzando le specificità del territorio tramite la lente del design, dell'arte e di chi vive e conosce profondamenti i luoghi.