Restyling per lo showroom aziendale antoniolupi con la collaborazione – consolidata – dello studio Calvi Brambilla

Nel 2015 lo showroom aziendale di antoniolupi a StabbiaCerreto Guidi (Firenze) è stato completamente ristrutturato e ampliato a causa di un evento atmosferico che pochi mesi prima che lo rese inagibile.

Dopo soli quattro anni, lo spazio cambia veste per diventare un luogo che, oltre ad accogliere molteplici ambientazioni che valorizzano al meglio le caratteristiche di ogni prodotto, strizza l’occhio al mondo fashion con colori di tendenza e mood dinamici.

In oltre 2.300 mq di superficie espositiva, la differenza fra ambiente bagno, area giorno e zona notte è appena percepibile, così da rimarcare il concetto di total living che distingue l'azienda toscana.

Continua il processo di restyling di antoniolupi. Il più importante cambiamento di quest’anno ha coinvolto il cromatismo degli spazi interni. Il risultato è gradevole e coerente dal punto di vista progettuale (Andrea Lupi)"

Il progetto del restyling è stato curato dallo studio di progettazione interno all’azienda insieme agli architetti Paolo Brambilla e Fabio Calvi di Calvi Brambilla, che con antoniolupi collaborano da oltre due anni per la realizzazione di layout espositivi per fiere – per esempio per lo stand al Salone del Mobile.Milano 2019 – e showroom – primo fra tutti quello di Milano.

Abbiamo approfondito ulteriormente il concetto di stanza da bagno, aumentandone le dimensioni: abbiamo creato dei veri e propri ambienti enfatizzati dall’uso di colori accesi e contemporanei, dove il senso architettonico è dato dalle quinte scenografiche (Paolo Brambilla e Fabio Calvi)"

Lo spazio, disposto su un unico livello, appare come una galleria museale, nel quale gli oggetti sono stati disposti ai lati dell’ingresso principale; di fronte la grande piscina dei soffioni stupisce con il suo ‘spettacolo acquatico’. Su una pedana sono esposti – ed enfatizzati – i progetti più innovativi.

Il progetto di ristrutturazione ha previsto l’eliminazione di tutte le pareti in vetro a favore dell’inserimento di partizioni curve e colorate che creano scenografie armoniose che accolgono collezioni antoniolupi cult accanto a prodotti più recenti. Il percorso all'interno dello spazio oscilla tra soluzioni abitative e stili di vita.

Molta attenzione viene data alla spiegazione dei prodotti: molti oggetti, infatti, sono accompagnati da video che ne raccontanto le specificità.

La Pietra e il Fuoco, che negli anni ‘70 era la sede produttiva di antoniolupi, oggi si presenta un'open space di 1.000 mq dal sapore industriale, scandito da volumi, spesso lasciati grezzi, come il pavimento in cemento. Un ambiente creativo pensato per ospitare eventi, mostre – come quelle degli artisti Beniamino ServinoLuca Garofalo – ed esposizioni di prodotti: spiccano i pezzi scultorei in marmo e quelli traslucidi in resina trasparente Ceramilux.

Lo spazio si affaccia direttamente sulla corte interna dell'azienda: un giardino rigoglioso di piante sempreverdi e ulivi. Al centro del prato, protagonista la VascaBarca, la scultura disegnata dagli artisti francesi Anne e Patrick Poirier realizzata con un monolite di marmo Stone Grey.