Vitriol è un personaggio fantastico, inventato da Gillo Dorfles, presente la prima volta nel dipinto del 2010, esposto in mostra, poi di nuovo protagonista di una serie di disegni e di appunti, realizzati nella seconda metà del 2016.

 

In totale, accanto al dipinto del 2010, sono esposti alla Triennale, per la prima volta, 18 disegni, che rappresentano un’assoluta novità.

 

Vitriol, così enigmatico nella sua composizione alfabetica, come se arrivasse da un altro mondo, si trasforma, in questi ultimi disegni, in una figura, certamente fantastica, ma che nel suo insieme ci ricorda da dove veniamo, chi siamo ma soprattutto dove tentiamo di andare.

Vitriol è anche, forse soprattutto, un saggio filosofico, nel quale la dimensione estetica ci parla di un corpo “eterico” che è diverso da quello fisico ma che “non è ancora la pura spiritualità”, come ci ammonisce lo stesso Dorfles.

 

gallery gallery
Foto di Matteo Zarbo
gallery gallery
Foto di Matteo Zarbo
gallery gallery
Foto di Matteo Zarbo
gallery gallery
Foto di Matteo Zarbo
gallery gallery
Foto di Matteo Zarbo
gallery gallery
Foto di Matteo Zarbo
gallery gallery
Foto di Matteo Zarbo
gallery gallery
Foto di Matteo Zarbo