In occasione del 500° anniversario dalla pubblicazione della prima edizione di Utopia, la celebre opera di Thomas More, Fiera Bolzano si fa promotrice di un’iniziativa con la quale invita il mondo dell’architettura a partecipare, attraverso lo schizzo di un progetto, a una riflessione collettiva sull’utopia dell’abitare: idee di città, di edifici e di interni libere da vincoli, per un mondo che non è ancora ma che potrà essere in futuro.

I numerosi progetti già pervenuti, tra cui quello degli Architetti Carlo Ratti, Thomas Herzog, Kengo Kuma e Thomas Auer, sono i protagonisti di una installazione nel Prato dell’Utopia, tra il Palazzo delle Albere e il MUSE Museo della Scienza di Trento, fino al 30 ottobre 2016.

Il successo del testo di Thomas More dipende, non semplicemente in quanto opera letteraria di importanza capitale, ma come occasione per ricordare che “Utopia” non è un luogo a cui approdare, quanto più una direzione a cui tendere, un’ipotesi che permette di ripensare il nostro mondo da una prospettiva radicalmente differente.

Ed è proprio a questa grande opera che Klimahouse si è ispirata, con l’obiettivo di offrire nuovi slanci al mondo dell’architettura chiamato a partecipare a un confronto allargato sull’utopia dell’abitare secondo nuove regole: “Utopia” non come sogno o come qualcosa di irrealizzabile, ma meglio come libertà assoluta di immaginare uno spazio abitativo slegato completamente dalle contingenze reali.

“Utopia dell’Abitare” si inserisce nell’ambito di Utopia500 – Cercando una società più giusta, un progetto ideato dalla casa editrice Il Margine e sostenuto e realizzato dal Servizio attività culturali della Provincia di Trento, che prevede un articolato programma di incontri, dibattiti, convegni, concerti, spettacoli e iniziative culturali: a partire dalla ripubblicazione cinquecentenaria del capolavoro filosofico di More (edizione a cura di Francesco Ghia e nuova traduzione di Lia Guardini). Sostenitori dell’iniziativa, ITAS Assicurazioni, realtà che abbraccia una filosofia dell’Utopia sin dalle sue origini, e di Unionbau.