La mostra dedicata alla scultura di piccolo formato è esposta nei suggestivi spazi del Padiglione de l’Esprit Nouveau, progettato da Le Corbusier in occasione dell’Exposition International des Arts Décoratifs nel 1925 e ricostruito a Bologna nel 1977.

Le opere si presentano come costruzioni minime, realtà bambine, in qualche modo figlie dell’idea architettonica e ideale dello spazio che ora abitano.

Quest’ultimo diventa uno scenario scandito da un gruppo di elementi tridimensionali molto diversi tra loro, in alcuni casi dissonanti, ognuno dei quali mantiene un forte legame con la funzionalità degli ambienti.

 

Le 33 piccole sculture sono di: Salvatore Arancio, Sergia Avveduti, Simone Berti, Davide Bertocchi, Sergio Breviario, Jacopo Candotti, Gianni Caravaggio, Francesco Carone, David Casini, Alice Cattaneo, T-yong Chung, Cuoghi Corsello, Michael Fliri, Luca Francesconi, Giovanni Kronenberg, Stefano Mandracchia, Eva Marisaldi, Nicola Melinelli, Maria Morganti, Luca Pancrazzi, Alessandro Pessoli, Marta Pierobon, Andrea Renzini, Andrea Sala, Marco Samorè, Lorenzo Scotto di Luzio, Namsal Siedlecki, Vincenzo Simone, Natalia Trejbalova, Luca Trevisani, Marcella Vanzo, Serena Vestrucci, Italo Zuffi.

 

La mostra è organizzata in collaborazione con Istituzione Bologna Musei e Regione Emilia-Romagna, nell’ambito di Art City Arte Fiera.