L’azienda fondata a Pesaro nel 1961 dai fratelli Valter ed Elvino Scavolini e in poco tempo diventata leader del settore in Italia.

Oggi il Gruppo Scavolini con i marchi Scavolini e ernestomeda conta di un insediamento industriale di 237.000 mq, con 660 dipendenti e un fatturato nel 2010 di 225 milioni di euro – festeggia i suoi primi 50 anni di attività con un libro curato da Massimo Martignoni ed edito da Skira.Il volume racconta il valore del marchio attraverso la sua storia, introdotta da un saggio di Philippe Daverio e documentata dalle immagini di Gabriele Basilico e Filippo Romano. La formula Scavolini e le ragioni del suo successo tutto italiano si ritrovano nell’approccio rigoroso e 1. foto storica di prodotto, tratta dall’archivio iconografico aziendale. in questo modello scavolini degli inizi si sente l’ eco dello stile italiano anni sessanta riferito al tema della cucina componibile di ispirazione scandinava. 2. la copertina del volume edito da skira con cui l’azienda festeggia i primi 50 anni di attività. curato da massimo martignoni, si apre con un’introduzione di philippe daverio e si accompagna alle immagini di gabriele basilico e filippo romano. 3. ritratto della famiglia scavolini. al centro, il presidente cav.lav. valter scavolini, alla sua sinistra la nipote (figlia di elvino) emanuela e il figlio gian marco. alla sua destra, la figlia fabiana e il nipote (figlio di elvino) alberto. foto di filippo romano©scavolini. costante indirizzato al miglioramento continuo, tecnologico-estetico, del prodotto cucina; declinato in una gamma di oltre 40 modelli e 350 finiture e che vede oggi la collaborazione di prestigiosi designer (da Giugiaro Design a King & Miranda, da Karim Rashid a Michael Young). Si trovano ancora nella lungimiranza nell’anticipare i cambiamenti del mercato e dei consumatori; negli importanti investimenti in ricerca sul prodotto e nell’attenzione verso una comunicazione sempre innovativa e una distribuzione in continua crescita (il Gruppo conta oltre 1300 punti vendita in Italia e 350 all’estero). Altra peculiarità del marchio è da sempre la spiccata sensibilità nei confronti del territorio e delle tematiche ambientali e socio-culturali (perfette testimonianze sono il progetto eco-sostenibile Scavolini Green Mind – lanciato nel 2009 che ha visto l’adozione dei pannelli Idroleb a bassissima emissione di formaldeide per tutte le cucine e la scelta di utilizzare unicamente energie da fonti rinnovabili – e la certificazione OHSAS 18001 sui Sistemi di Gestione della salute e della Sicurezza sul Lavoro ottenuta sempre nel 2009). Qual è il suo segreto? “Mi piace ricordare” spiega il Cav. Valter Scavolini, Presidente del Gruppo, “una frase di Confucio che ho voluto anche in apertura del nostro libro: ‘Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai neanche un giorno in tutta la tua vita’. Affrontiamo ogni nuova sfida con lo stesso entusiasmo di quando giovanissimi mio fratello Elvino ed io abbiamo intrapreso questo percorso. In quest’ottica la programmazione e la strategia sono fondamentali”. Scavolini è ormai entrata a pieno titolo nella cerchia ristretta dei brand italiani provvisti di notorietà internazionale, avete conquistato il mondo con il vostro stile. Le prossime sfide? “L’ampliamento della rete distributiva in tutto il mondo, con una particolare attenzione rivolta ai Paesi emergenti come Cina, India e Africa. Il segreto è nella costanza dei piccoli passi. Aprirsi all’estero è fondamentale, ma come ogni cosa va ponderata attentamente. Lo scorso anno, ad esempio, Scavolini USA ha aperto il primo flagship store nel cuore di New York. Il nostro è lo showroom di cucine più grande di tutta Manhattan al momento. Una scelta strategica che studiavamo da tempo e che ci ha portato alla creazione di una branch americana”. Scavolini è un simbolo dell’industria italiana in termini di organizzazione, ma soprattutto di approccio alla comunicazione, una delle cifre che da sempre caratterizza il marchio. “Ho sempre creduto nella forza della comunicazione. Il valore di un marchio si vede anche nella propria capacità di raccontarsi e rappresentarsi. Siamo stati i primi nel settore ad utilizzare il mezzo televisivo e celebri testimonial. Anche questo importante anniversario abbiamo scelto di celebrarlo con un significativo investimento. Abbiamo studiato una campagna affissione che ha coperto per 15 giorni oltre il 25% delle posizioni certificate audiposter nel formato 6×3 su tutto il territorio nazionale dall’head Scavolini, solo italiana. Orgogliosamente italiana. Da cinquant’anni la più amata”. Il futuro dell’Azienda vedrà l’ingresso significativo della terza generazione. Come attende questo momento? “Nel segno di una continuità capace di rinnovarsi. Punto fermo sarà la dedizione continua nel proporre una qualità totale: è il valore principe del nostro made in Italy. Lo sguardo deve essere sempre rivolto in avanti, mai guardare al passato, se non come spunto per migliorare”.