E’ stato prorogato fino al 24 gennaio l’evento che il MA*GA di Gallarate (VA) ha dedicato a Ottavio e Rosita Missoni, proprio nella città che scelsero nel 1953 come sede della loro casa e del loro primo laboratorio di maglieria.

Il percorso espositivo, caratterizzato dagli allestimenti che diventano a loro volta opere ambientali, è articolato secondo diversi registri narrativi che delineano le principali caratteristiche della genialità dei Missoni, fatta di colore, materia e forma.

Al contempo emerge quanto la loro creatività sia legata a doppio filo con l’arte, rappresentando un caso pressoché unico nel panorama della moda internazionale.

In mostra, opere che spaziano dall’astrattismo lirico di Sonia Delaunay, insieme a Kandinsky, al Futurismo di Balla e Severini e a Klee ai primi astrattisti italiani: Munari, Veronesi, Soldati, Rho, Fontana o Vedova.

La mostra prosegue con una serie di installazioni immersive, progettate da Luca Missoni e Angelo Jelmini, caratterizzate da una profonda fusione tra la ricerca di materia e colore, proprie del fashion design e dimensione ambientale, mutuata dalle arti visive.

Alle opere più significative di Ottavio Missoni è dedicata l’ultima sala della mostra, presentando un’inedita installazione. Si tratta di una serie di grandi Arazzi realizzati in patchwork di tessuto a maglia, allestiti in uno spazio immaginato, ancora una volta da Luca Missoni e Angelo Jelmini, come scenografico e suggestivo.

La mostra, curata da Luciano Caramel, Luca Missoni e Emma Zanella, è un progetto realizzato da Città di Gallarate, Museo MA*GA e Archivio Missoni, con lo speciale contributo di Regione Lombardia – Assessorato alle Culture, Identità e Autonomie e Provincia di Varese; in collaborazione con Missoni e con la partecipazione di Gallerie d’Italia – Piazza Scala (MI) e Auser per MA*GA.

gallery gallery
Ottavio e Rosita Missoni - Giuseppe Pino 1984.
gallery gallery
Ottavio Missoni, Senza Titolo, 1973, acrilico su tavola, 98X173 cm.
gallery gallery
Ottavio Missoni, studio per arazzo.
gallery gallery
Veduta della Sala degli Arazzi allestita per la mostra al MA*GA. Appesi, gli arazzi di Ottavio Missoni. Photo Marco Cappelletti.
gallery gallery
Veduta dell’installazione Le forme della moda, allestita per la mostra al MA*GA con abiti Missoni dal 1953 al 2014. Photo Marco Cappelletti.
gallery gallery
Dettaglio dell’installazione Le forme della moda, allestita per la mostra al MA*GA con abiti Missoni dal 1953 al 2014. Photo Marco Cappelletti.
gallery gallery
Dettaglio dell’installazione Tra le Righe progettata da Luca Missoni e Angelo Jelmini per la mostra al MA*GA. Photo Marco Cappelletti.
gallery gallery
Dettagli dell’installazione progettata da Luca Missoni e Angelo Jelmini per la sezione Il Colore, la Materia, la Forma al MA*GA. Photo Marco Cappelletti.
gallery gallery
Ottavio Missoni, Arazzo, 1985, patchwork di tessuti in maglia, cm 89x67, Fondazione Ottavio e Rosita Missoni. Photo Marco Cappelletti
gallery gallery
Disegno dell'illustratrice Brunetta per Missoni. Ph. Carolina Trabattoni
gallery gallery
Dettagli dell’installazione progettata da Luca Missoni e Angelo Jelmini per la sezione Il Colore, la Materia, la Forma al MA*GA. Ph. Carolina Trabattoni
gallery gallery
Dettagli dell’installazione progettata da Luca Missoni e Angelo Jelmini per la sezione Il Colore, la Materia, la Forma al MA*GA. Ph. Carolina Trabattoni
gallery gallery
Dettaglio dell’installazione Le forme della moda, allestita per la mostra al MA*GA con abiti Missoni dal 1953 al 2014. Ph. Carolina Trabattoni
gallery gallery
E' stato prorogato fino al 24 gennaio l’evento che il MA*GA di Gallarate (VA) ha dedicato a Ottavio e Rosita Missoni, proprio nella città che scelsero nel 1953 come sede della loro casa e del loro primo laboratorio di maglieria. Il percorso espositivo, caratterizzato dagli allestimenti che diventano a loro volta opere ambientali, è articolato secondo diversi registri narrativi che delineano le principali caratteristiche della genialità dei Missoni, fatta di colore, materia e forma. Al contempo emerge quanto la loro creatività sia legata a doppio filo con l’arte, rappresentando un caso pressoché unico nel panorama della moda internazionale. In mostra, opere che spaziano dall'astrattismo lirico di Sonia Delaunay, insieme a Kandinsky, al Futurismo di Balla e Severini e a Klee ai primi astrattisti italiani: Munari, Veronesi, Soldati, Rho, Fontana o Vedova. La mostra prosegue con una serie di installazioni immersive, progettate da Luca Missoni e Angelo Jelmini, caratterizzate da una profonda fusione tra la ricerca di materia e colore, proprie del fashion design e dimensione ambientale, mutuata dalle arti visive. Alle opere più significative di Ottavio Missoni è dedicata l’ultima sala della mostra, presentando un’inedita installazione. Si tratta di una serie di grandi Arazzi realizzati in patchwork di tessuto a maglia, allestiti in uno spazio immaginato, ancora una volta da Luca Missoni e Angelo Jelmini, come scenografico e suggestivo. La mostra, curata da Luciano Caramel, Luca Missoni e Emma Zanella, è un progetto realizzato da Città di Gallarate, Museo MA*GA e Archivio Missoni, con lo speciale contributo di Regione Lombardia - Assessorato alle Culture, Identità e Autonomie e Provincia di Varese; in collaborazione con Missoni e con la partecipazione di Gallerie d’Italia - Piazza Scala (MI) e Auser per MA*GA.
gallery gallery
Ottavio e Rosita Missoni - Giuseppe Pino 1984.
gallery gallery
Ottavio Missoni, Senza Titolo, 1973, acrilico su tavola, 98X173 cm.
gallery gallery
Ottavio Missoni, studio per arazzo.
gallery gallery
Veduta della Sala degli Arazzi allestita per la mostra al MA*GA. Appesi, gli arazzi di Ottavio Missoni. Photo Marco Cappelletti.
gallery gallery
Veduta dell’installazione Le forme della moda, allestita per la mostra al MA*GA con abiti Missoni dal 1953 al 2014. Photo Marco Cappelletti.
gallery gallery
Dettaglio dell’installazione Le forme della moda, allestita per la mostra al MA*GA con abiti Missoni dal 1953 al 2014. Photo Marco Cappelletti.
gallery gallery
Dettaglio dell’installazione Tra le Righe progettata da Luca Missoni e Angelo Jelmini per la mostra al MA*GA. Photo Marco Cappelletti.
gallery gallery
Dettagli dell’installazione progettata da Luca Missoni e Angelo Jelmini per la sezione Il Colore, la Materia, la Forma al MA*GA. Photo Marco Cappelletti.
gallery gallery
Ottavio Missoni, Arazzo, 1985, patchwork di tessuti in maglia, cm 89x67, Fondazione Ottavio e Rosita Missoni. Photo Marco Cappelletti
gallery gallery
Disegno dell'illustratrice Brunetta per Missoni. Ph. Carolina Trabattoni
gallery gallery
Dettagli dell’installazione progettata da Luca Missoni e Angelo Jelmini per la sezione Il Colore, la Materia, la Forma al MA*GA. Ph. Carolina Trabattoni
gallery gallery
Dettagli dell’installazione progettata da Luca Missoni e Angelo Jelmini per la sezione Il Colore, la Materia, la Forma al MA*GA. Ph. Carolina Trabattoni
gallery gallery
Dettaglio dell’installazione Le forme della moda, allestita per la mostra al MA*GA con abiti Missoni dal 1953 al 2014. Ph. Carolina Trabattoni
gallery gallery
E' stato prorogato fino al 24 gennaio l’evento che il MA*GA di Gallarate (VA) ha dedicato a Ottavio e Rosita Missoni, proprio nella città che scelsero nel 1953 come sede della loro casa e del loro primo laboratorio di maglieria. Il percorso espositivo, caratterizzato dagli allestimenti che diventano a loro volta opere ambientali, è articolato secondo diversi registri narrativi che delineano le principali caratteristiche della genialità dei Missoni, fatta di colore, materia e forma. Al contempo emerge quanto la loro creatività sia legata a doppio filo con l’arte, rappresentando un caso pressoché unico nel panorama della moda internazionale. In mostra, opere che spaziano dall'astrattismo lirico di Sonia Delaunay, insieme a Kandinsky, al Futurismo di Balla e Severini e a Klee ai primi astrattisti italiani: Munari, Veronesi, Soldati, Rho, Fontana o Vedova. La mostra prosegue con una serie di installazioni immersive, progettate da Luca Missoni e Angelo Jelmini, caratterizzate da una profonda fusione tra la ricerca di materia e colore, proprie del fashion design e dimensione ambientale, mutuata dalle arti visive. Alle opere più significative di Ottavio Missoni è dedicata l’ultima sala della mostra, presentando un’inedita installazione. Si tratta di una serie di grandi Arazzi realizzati in patchwork di tessuto a maglia, allestiti in uno spazio immaginato, ancora una volta da Luca Missoni e Angelo Jelmini, come scenografico e suggestivo. La mostra, curata da Luciano Caramel, Luca Missoni e Emma Zanella, è un progetto realizzato da Città di Gallarate, Museo MA*GA e Archivio Missoni, con lo speciale contributo di Regione Lombardia - Assessorato alle Culture, Identità e Autonomie e Provincia di Varese; in collaborazione con Missoni e con la partecipazione di Gallerie d’Italia - Piazza Scala (MI) e Auser per MA*GA. [gallery ids="76614,76598,76600,76602,76604,76606,76608,76610,76612,76616,76618,76620,76622,76624,76628,76630,76632,76634,76626"]
gallery gallery
Fortunato Depero, Velocità di ciclista (Ciclista-fumatore), 1924, tarsia di stoffe colorate su tela di cotone, cm 51,5x54. Courtesy opera e foto Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni.
gallery gallery
Wassily Kandinsky, Quer, 1931, acquarello su carta, cm 49x60, collezione privata.
gallery gallery
Dadamaino, La ricerca del colore – 100 elementi, 1966-68, acrilico su tela, cm 20x20 cad, Museo d’Arte Contemporanea e Moderna Trento e Rovereto .
gallery gallery
Lucio Fontana, Concetto spaziale, 1965, olio su tela, cm 72x60, Museo MA*GA, Gallarate, deposito Fondazione Passaré.
gallery gallery
Rosita Missoni. Ph. Carolina Trabattoni
gallery gallery
Fortunato Depero, Velocità di ciclista (Ciclista-fumatore), 1924, tarsia di stoffe colorate su tela di cotone, cm 51,5x54. Courtesy opera e foto Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni.
gallery gallery
Wassily Kandinsky, Quer, 1931, acquarello su carta, cm 49x60, collezione privata.
gallery gallery
Dadamaino, La ricerca del colore – 100 elementi, 1966-68, acrilico su tela, cm 20x20 cad, Museo d’Arte Contemporanea e Moderna Trento e Rovereto .
gallery gallery
Lucio Fontana, Concetto spaziale, 1965, olio su tela, cm 72x60, Museo MA*GA, Gallarate, deposito Fondazione Passaré.
gallery gallery
Rosita Missoni. Ph. Carolina Trabattoni
"},{"id":76628,"title":"B0090P 0004","filename":"03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924.jpg","url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924.jpg","link":"https:\/\/www.internimagazine.it\/news\/agenda\/missoni-larte-il-colore\/attachment\/b0090p-0004\/","alt":"","author":"4","description":"","caption":"Fortunato Depero, Velocit\u00e0 di ciclista (Ciclista-fumatore), 1924, tarsia di stoffe colorate su tela di cotone, cm 51,5x54. Courtesy opera e foto Museo dell\u2019Aeronautica Gianni Caproni.","name":"b0090p-0004","status":"inherit","uploadedTo":76594,"date":1447340439000,"modified":1447416133000,"menuOrder":16,"mime":"image\/jpeg","type":"image","subtype":"jpeg","icon":"https:\/\/www.internimagazine.it\/wordpress\/wp-includes\/images\/media\/default.png","dateFormatted":"12 Novembre 2015","nonces":{"update":false,"delete":false,"edit":false},"editLink":false,"meta":false,"authorName":"Danilo Signorello","filesizeInBytes":762310,"filesizeHumanReadable":"744 KB","context":"","height":1899,"width":2000,"orientation":"landscape","sizes":{"thumbnail":{"height":150,"width":300,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924-300x150.jpg","orientation":"landscape"},"medium":{"height":300,"width":316,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924-316x300.jpg","orientation":"landscape"},"large":{"height":854,"width":900,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924-1024x972.jpg","orientation":"landscape"},"full":{"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924.jpg","height":1899,"width":2000,"orientation":"landscape"},"post-thumbnail":{"height":200,"width":400,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924-400x200.jpg","orientation":"landscape"},"tiny":{"height":64,"width":80,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924-80x64.jpg","orientation":"landscape"},"normal":{"height":255,"width":450,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924-450x255.jpg","orientation":"landscape"},"featured":{"height":282,"width":500,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924-500x282.jpg","orientation":"landscape"},"cover":{"height":680,"width":1190,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/03.-Depero-velocita-di-ciclista-1924-1190x680.jpg","orientation":"landscape"}}},{"id":76630,"title":"07. Kandinsky_Quer, 1931","filename":"07.-Kandinsky_Quer-1931.jpg","url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/07.-Kandinsky_Quer-1931.jpg","link":"https:\/\/www.internimagazine.it\/news\/agenda\/missoni-larte-il-colore\/attachment\/07-kandinsky_quer-1931\/","alt":"","author":"4","description":"","caption":"Wassily Kandinsky, Quer, 1931, acquarello su carta, cm 49x60, collezione privata.","name":"07-kandinsky_quer-1931","status":"inherit","uploadedTo":76594,"date":1447340444000,"modified":1447416133000,"menuOrder":17,"mime":"image\/jpeg","type":"image","subtype":"jpeg","icon":"https:\/\/www.internimagazine.it\/wordpress\/wp-includes\/images\/media\/default.png","dateFormatted":"12 Novembre 2015","nonces":{"update":false,"delete":false,"edit":false},"editLink":false,"meta":false,"authorName":"Danilo Signorello","filesizeInBytes":663759,"filesizeHumanReadable":"648 KB","context":"","height":1809,"width":2200,"orientation":"landscape","sizes":{"thumbnail":{"height":150,"width":300,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/07.-Kandinsky_Quer-1931-300x150.jpg","orientation":"landscape"},"medium":{"height":300,"width":365,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/07.-Kandinsky_Quer-1931-365x300.jpg","orientation":"landscape"},"large":{"height":740,"width":900,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/07.-Kandinsky_Quer-1931-1024x842.jpg","orientation":"landscape"},"full":{"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/07.-Kandinsky_Quer-1931.jpg","height":1809,"width":2200,"orientation":"landscape"},"post-thumbnail":{"height":200,"width":400,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/07.-Kandinsky_Quer-1931-400x200.jpg","orientation":"landscape"},"tiny":{"height":64,"width":80,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/07.-Kandinsky_Quer-1931-80x64.jpg","orientation":"landscape"},"normal":{"height":255,"width":450,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/07.-Kandinsky_Quer-1931-450x255.jpg","orientation":"landscape"},"featured":{"height":282,"width":500,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/07.-Kandinsky_Quer-1931-500x282.jpg","orientation":"landscape"},"cover":{"height":680,"width":1190,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/07.-Kandinsky_Quer-1931-1190x680.jpg","orientation":"landscape"}}},{"id":76632,"title":"12. Dadamaino, La ricerca del colore 1966","filename":"12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966.jpg","url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966.jpg","link":"https:\/\/www.internimagazine.it\/news\/agenda\/missoni-larte-il-colore\/attachment\/12-dadamaino-la-ricerca-del-colore-1966\/","alt":"","author":"4","description":"","caption":"Dadamaino, La ricerca del colore \u2013 100 elementi, 1966-68, acrilico su tela, cm 20x20 cad, Museo d\u2019Arte Contemporanea e Moderna Trento e Rovereto .","name":"12-dadamaino-la-ricerca-del-colore-1966","status":"inherit","uploadedTo":76594,"date":1447340450000,"modified":1447416134000,"menuOrder":18,"mime":"image\/jpeg","type":"image","subtype":"jpeg","icon":"https:\/\/www.internimagazine.it\/wordpress\/wp-includes\/images\/media\/default.png","dateFormatted":"12 Novembre 2015","nonces":{"update":false,"delete":false,"edit":false},"editLink":false,"meta":false,"authorName":"Danilo Signorello","filesizeInBytes":1072446,"filesizeHumanReadable":"1 MB","context":"","height":2010,"width":2000,"orientation":"portrait","sizes":{"thumbnail":{"height":150,"width":300,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966-300x150.jpg","orientation":"landscape"},"medium":{"height":300,"width":299,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966-299x300.jpg","orientation":"portrait"},"large":{"height":904,"width":900,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966-1019x1024.jpg","orientation":"portrait"},"full":{"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966.jpg","height":2010,"width":2000,"orientation":"portrait"},"post-thumbnail":{"height":200,"width":400,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966-400x200.jpg","orientation":"landscape"},"tiny":{"height":64,"width":80,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966-80x64.jpg","orientation":"landscape"},"normal":{"height":255,"width":450,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966-450x255.jpg","orientation":"landscape"},"featured":{"height":282,"width":500,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966-500x282.jpg","orientation":"landscape"},"cover":{"height":680,"width":1190,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/12.-Dadamaino-La-ricerca-del-colore-1966-1190x680.jpg","orientation":"landscape"}}},{"id":76634,"title":"14. Fontana, Concetto spaziale 1960","filename":"14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960.jpg","url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960.jpg","link":"https:\/\/www.internimagazine.it\/news\/agenda\/missoni-larte-il-colore\/attachment\/14-fontana-concetto-spaziale-1960\/","alt":"","author":"4","description":"","caption":"Lucio Fontana, Concetto spaziale, 1965, olio su tela, cm 72x60, Museo MA*GA, Gallarate, deposito Fondazione Passar\u00e9.","name":"14-fontana-concetto-spaziale-1960","status":"inherit","uploadedTo":76594,"date":1447340454000,"modified":1447416134000,"menuOrder":19,"mime":"image\/jpeg","type":"image","subtype":"jpeg","icon":"https:\/\/www.internimagazine.it\/wordpress\/wp-includes\/images\/media\/default.png","dateFormatted":"12 Novembre 2015","nonces":{"update":false,"delete":false,"edit":false},"editLink":false,"meta":false,"authorName":"Danilo Signorello","filesizeInBytes":589198,"filesizeHumanReadable":"575 KB","context":"","height":2200,"width":1804,"orientation":"portrait","sizes":{"thumbnail":{"height":150,"width":300,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960-300x150.jpg","orientation":"landscape"},"medium":{"height":300,"width":246,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960-246x300.jpg","orientation":"portrait"},"large":{"height":1024,"width":840,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960-840x1024.jpg","orientation":"portrait"},"full":{"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960.jpg","height":2200,"width":1804,"orientation":"portrait"},"post-thumbnail":{"height":200,"width":400,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960-400x200.jpg","orientation":"landscape"},"tiny":{"height":64,"width":80,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960-80x64.jpg","orientation":"landscape"},"normal":{"height":255,"width":450,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960-450x255.jpg","orientation":"landscape"},"featured":{"height":282,"width":500,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960-500x282.jpg","orientation":"landscape"},"cover":{"height":680,"width":1190,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/14.-Fontana-Concetto-spaziale-1960-1190x680.jpg","orientation":"landscape"}}},{"id":76626,"title":"Schermata 2015-11-12 a 15.57.17","filename":"Schermata-2015-11-12-a-15.57.17.png","url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/Schermata-2015-11-12-a-15.57.17.png","link":"https:\/\/www.internimagazine.it\/news\/agenda\/missoni-larte-il-colore\/attachment\/schermata-2015-11-12-a-15-57-17\/","alt":"","author":"4","description":"","caption":"Rosita Missoni. Ph. Carolina Trabattoni","name":"schermata-2015-11-12-a-15-57-17","status":"inherit","uploadedTo":76594,"date":1447340426000,"modified":1447416243000,"menuOrder":15,"mime":"image\/png","type":"image","subtype":"png","icon":"https:\/\/www.internimagazine.it\/wordpress\/wp-includes\/images\/media\/default.png","dateFormatted":"12 Novembre 2015","nonces":{"update":false,"delete":false,"edit":false},"editLink":false,"meta":false,"authorName":"Danilo Signorello","filesizeInBytes":287370,"filesizeHumanReadable":"281 KB","context":"","height":520,"width":312,"orientation":"portrait","sizes":{"thumbnail":{"height":150,"width":300,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/Schermata-2015-11-12-a-15.57.17-300x150.png","orientation":"landscape"},"medium":{"height":300,"width":180,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/Schermata-2015-11-12-a-15.57.17-180x300.png","orientation":"portrait"},"full":{"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/Schermata-2015-11-12-a-15.57.17.png","height":520,"width":312,"orientation":"portrait"},"post-thumbnail":{"height":200,"width":312,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/Schermata-2015-11-12-a-15.57.17-312x200.png","orientation":"landscape"},"tiny":{"height":64,"width":80,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/Schermata-2015-11-12-a-15.57.17-80x64.png","orientation":"landscape"},"normal":{"height":255,"width":312,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/Schermata-2015-11-12-a-15.57.17-312x255.png","orientation":"landscape"},"featured":{"height":282,"width":312,"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/11\/Schermata-2015-11-12-a-15.57.17-312x282.png","orientation":"landscape"}}}];