La mostra è il frutto della collaborazione tra due istituzioni – La Triennale di Milano e Fondazione Nicola Trussardi – che da sempre mettono al centro della loro missione il presente in tutte le sue accezioni, prestando attenzione ai linguaggi più sperimentali e innovativi dell’arte e della cultura contemporanea e con la capacità di dare voce a fenomeni portatori di cambiamenti profondi.

 

La Terra Inquieta – che prende a prestito il titolo da una raccolta di poesie dello scrittore caraibico Édouard Glissant, da sempre affascinato dal problema della coesistenza tra culture diverse – è dunque la condivisione di un progetto, urgente e doveroso, che ha l’ambizione di raccontare il presente come un territorio instabile e in fibrillazione: una polifonia di narrazioni e tensioni.

 

Attraverso le opere di più di sessantacinque artiste e artisti provenienti da vari Paesi del mondo – tra cui Albania, Algeria, Bangladesh, Egitto, Ghana, Iraq, Libano, Marocco, Siria e Turchia – e con un allestimento che si estenderà all’interno della galleria al piano terra della Triennale per proseguire al piano superiore, La Terra Inquieta parla delle trasformazioni epocali che stanno segnando lo scenario globale e la storia contemporanea, in particolare affrontando il problema della migrazione e la crisi dei rifugiati.

 

Attraverso installazioni, video, immagini di reportage, materiali storici e oggetti di cultura materiale, La Terra Inquieta esplora geografie reali e immaginarie, ricostruendo l’odissea dei migranti e le storie individuali e collettive dei viaggi disperati dei nuovi dannati della Terra.

Il percorso si snoderà attraverso una serie di nuclei geografici e tematici – il conflitto in Siria, lo stato di emergenza di Lampedusa, la vita nei campi profughi, la figura del nomade e dell’apolide – a cui si intersecheranno opere di forte impatto: vere e proprie metafore visive e monumenti precari eretti a commemorazione di questo nostro breve e instabile scorcio di secolo.

 

La Terra Inquieta è un romanzo corale di moltitudini troppo spesso lasciate senza nome.

 

gallery gallery
John Akomfrah - Vertigo Sea, 2015
gallery gallery
Adel Abdessemed - Hope, 2011-2012
gallery gallery
Francis Alÿs. In collaborazione con Julien Devaux, Felix Blume, Ivan Boccara, Abbas Benheim, Fundaciéon Montenmedio Arte, and children of Tanger and Tarifa - Don't Cross the Bridge Before You Get to the River Strait of Gibraltar, 2008
gallery gallery
El Anatsui - New World Map, 2009
gallery gallery
Ziad Antar - Burj Khalifa II, 2010
gallery gallery
Brendan Bannon - Dadaab Refugee Camp, Dadaab, Kenya, 2011
gallery gallery
Andrea Bowers - Papillon Monarque (Migration Is Beautiful), 2015
gallery gallery
Rokni Haerizadeh - The Sun Shines on a Graveyard and a Garden Alike, And The Rain a Loyal Man From a Traitor Knows Not, 2016-17
gallery gallery
Manaf Halbouni - Nowhere is home, 2015
gallery gallery
Mona Hatoum - Map (clear), 2015
gallery gallery
Isaac Julien - Western Union: Small Boat, 2007
gallery gallery
Šejla Kameric - EU / Others, 2000
gallery gallery
Runo Lagomarsino - Mare Nostrum, 2016
gallery gallery
Adrian Paci - Centro di permanenza temporanea, 2007
gallery gallery
Hrair Sarkissian - Execution Squares, 2008
gallery gallery
Hassan Sharif - Suspended Objects, 2011
gallery gallery
Hamid Sulaiman - Untitled #50 from the series Freedom Hospital, 2016
gallery gallery
Rayyane Tabet - Architecture Lessons, 2013, from the series Five Distant
gallery gallery
Danh Vo - Nguyen Thi Ty [The artist's grandmother's grave marker], 2009