gallery gallery
gallery gallery
[gallery ids="20070,20071"]Il progetto della nuova boutique in via della Spiga del marchio umbro di moda, che si connota per la qualità dei materiali e della lavorazione, è dello studio di architettura di Nicola Quadri. Si tratta di uno spazio di 140 metri quadrati su tre livelli in cui le stanze, dai volumi contenuti, sono arredate in stile borghese: un apparente understatement che svela scelte e soluzioni raffinate. I tre principali ambienti sono modulati attraverso pareti disegnate da losanghe in legno e vetro. Le due grandi vetrine aperte su via della Spiga agevolano la lettura degli ambienti interni. La cornice architettonica è stata progettata ex novo. Le grandi lastre di pietra a pavimento, caratterizzate da una lavorazione rigata, e la calda tonalità di grigio piombo delle pareti sono in contrasto con i soffitti in legno a cassettoni e le grandi pareti vetrate bianche. La soluzione espositiva del prodotto, sia appeso che piegato, è risolta in una libreria di colore grigio in poliestere lucido con elementi in ottone satinato. La luce è calda, ben modulata. Lampade da terra fuori scala bianche e a dischi concentrici hanno una funzione prettamente decorativa. I tappeti in lana, realizzati su disegno, completano il nuovo concept Fabiana Filippi, curato nei minimi dettagli e in cui nulla risulta ostentato. Uno spazio raffinato e sobrio, un ambiente lineare, non opulento ed estremamente ricercato.  
Il progetto della nuova boutique in via della Spiga del marchio umbro di moda, che si connota per la qualità dei materiali e della lavorazione, è dello studio di architettura di Nicola Quadri. Si tratta di uno spazio di 140 metri quadrati su tre livelli in cui le stanze, dai volumi contenuti, sono arredate in stile borghese: un apparente understatement che svela scelte e soluzioni raffinate. I tre principali ambienti sono modulati attraverso pareti disegnate da losanghe in legno e vetro. Le due grandi vetrine aperte su via della Spiga agevolano la lettura degli ambienti interni. La cornice architettonica è stata progettata ex novo. Le grandi lastre di pietra a pavimento, caratterizzate da una lavorazione rigata, e la calda tonalità di grigio piombo delle pareti sono in contrasto con i soffitti in legno a cassettoni e le grandi pareti vetrate bianche. La soluzione espositiva del prodotto, sia appeso che piegato, è risolta in una libreria di colore grigio in poliestere lucido con elementi in ottone satinato. La luce è calda, ben modulata. Lampade da terra fuori scala bianche e a dischi concentrici hanno una funzione prettamente decorativa. I tappeti in lana, realizzati su disegno, completano il nuovo concept Fabiana Filippi, curato nei minimi dettagli e in cui nulla risulta ostentato. Uno spazio raffinato e sobrio, un ambiente lineare, non opulento ed estremamente ricercato.  
Il progetto della nuova boutique in via della Spiga del marchio umbro di moda, che si connota per la qualità dei materiali e della lavorazione, è dello studio di architettura di Nicola Quadri. Si tratta di uno spazio di 140 metri quadrati su tre livelli in cui le stanze, dai volumi contenuti, sono arredate in stile borghese: un apparente understatement che svela scelte e soluzioni raffinate. I tre principali ambienti sono modulati attraverso pareti disegnate da losanghe in legno e vetro. Le due grandi vetrine aperte su via della Spiga agevolano la lettura degli ambienti interni. La cornice architettonica è stata progettata ex novo. Le grandi lastre di pietra a pavimento, caratterizzate da una lavorazione rigata, e la calda tonalità di grigio piombo delle pareti sono in contrasto con i soffitti in legno a cassettoni e le grandi pareti vetrate bianche. La soluzione espositiva del prodotto, sia appeso che piegato, è risolta in una libreria di colore grigio in poliestere lucido con elementi in ottone satinato. La luce è calda, ben modulata. Lampade da terra fuori scala bianche e a dischi concentrici hanno una funzione prettamente decorativa. I tappeti in lana, realizzati su disegno, completano il nuovo concept Fabiana Filippi, curato nei minimi dettagli e in cui nulla risulta ostentato. Uno spazio raffinato e sobrio, un ambiente lineare, non opulento ed estremamente ricercato.   "},{"id":20071,"title":"P_Filippi_01_L.jpg","filename":"P_Filippi_01_L.jpg","url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/03\/P_Filippi_01_L.jpg","link":"https:\/\/www.internimagazine.it\/p_filippi_01_l-jpg\/","alt":"","author":"32","description":"","caption":"","name":"p_filippi_01_l-jpg","status":"inherit","uploadedTo":1,"date":1426867632000,"modified":1426867632000,"menuOrder":0,"mime":"image\/jpeg","type":"image","subtype":"jpeg","icon":"https:\/\/www.internimagazine.it\/wordpress\/wp-includes\/images\/media\/default.png","dateFormatted":"20 Marzo 2015","nonces":{"update":false,"delete":false,"edit":false},"editLink":false,"meta":false,"authorName":"Admin Softfobia","filesizeInBytes":190779,"filesizeHumanReadable":"186 KB","context":"","height":420,"width":640,"orientation":"landscape","sizes":{"full":{"url":"https:\/\/www.internimagazine.it\/content\/uploads\/2015\/03\/P_Filippi_01_L.jpg","height":420,"width":640,"orientation":"landscape"}}}];
Il progetto della nuova boutique in via della Spiga del marchio umbro di moda, che si connota per la qualità dei materiali e della lavorazione, è dello studio di architettura di Nicola Quadri. Si tratta di uno spazio di 140 metri quadrati su tre livelli in cui le stanze, dai volumi contenuti, sono arredate in stile borghese: un apparente understatement che svela scelte e soluzioni raffinate. I tre principali ambienti sono modulati attraverso pareti disegnate da losanghe in legno e vetro. Le due grandi vetrine aperte su via della Spiga agevolano la lettura degli ambienti interni. La cornice architettonica è stata progettata ex novo. Le grandi lastre di pietra a pavimento, caratterizzate da una lavorazione rigata, e la calda tonalità di grigio piombo delle pareti sono in contrasto con i soffitti in legno a cassettoni e le grandi pareti vetrate bianche. La soluzione espositiva del prodotto, sia appeso che piegato, è risolta in una libreria di colore grigio in poliestere lucido con elementi in ottone satinato. La luce è calda, ben modulata. Lampade da terra fuori scala bianche e a dischi concentrici hanno una funzione prettamente decorativa. I tappeti in lana, realizzati su disegno, completano il nuovo concept Fabiana Filippi, curato nei minimi dettagli e in cui nulla risulta ostentato. Uno spazio raffinato e sobrio, un ambiente lineare, non opulento ed estremamente ricercato.