Massimo Iosa Ghini e Cesare Picco.