Non il giardino attorno alla casa, ma la casa attorno al giardino. From The Garden House è un'abitazione fluida e permeabile, la cui progettazione è iniziata dal paesaggio per rispettare i tempi di crescita degli alberi. Il concept è stato guidato dalla natura in tutto per tutto: l’utilizzo di fonti di energia alternative rende il ciclo perfetto e infinito

Un percorso apparentemente inverso guida la realizzazione di From the Garden House, villa estesa su 1500 mq, progettata a Laka, in Polonia da KWK Promes, studio dell’architetto Robert Konieczny. Il committente dell’abitazione era partito dalla realizzazione del grande giardino, già in fase avanzata, a cui mancava solo la casa. La proprietà aveva infatti trasformato un terreno inattivo in una splendida oasi verde con un lago e una strada che conduceva al luogo dove avrebbe dovuto essere eretta l’abitazione.

Non il giardino attorno alla casa, ma la casa attorno al giardino; un capovolgimento del normale svolgimento di qualsiasi progetto residenziale, con una logica ben precisa: le piante hanno infatti bisogno di molto più tempo per raggiungere le loro dimensioni target e il proprietario desiderava poter godere dello spazio verde subito dopo la conclusione della casa e il trasloco, senza attendere i tempi di realizzazione del giardino.

Da qui il nome From The Garden House, il cui concept è stato guidato dalla natura in tutto per tutto: lo studio ha così progettato un edificio pensato per fondersi armoniosamente nella natura e che utilizzasse fonti di energia alternative.

Avendo come punto di partenza il giardino, è stata creata una sorta di architettura di fondo che funziona in perfetta simbiosi con la natura: l’abitazione si intreccia con il verde, utilizza le energie dell’ambiente e delle fonti rinnovabili, e le restituisce all’ambiente stesso. Un ciclo perfetto e infinito.

Le curve del paesaggio sono state d’ispirazione per la realizzazione della struttura: il piano terra, che ospita il soggiorno, forma un continuum con le linee sinuose, inserendosi dolcemente nell’ambiente circostante. La forma arrotondata separa nettamente il vialetto dal resto del giardino, donando ai residenti intimità e silenzio.

Grazie alle ampie vetrate che si susseguono lungo il perimetro della casa, interno ed esterno si fondono formando un tutt’uno. Per la realizzazione delle facciate esterne è stato utilizzato il cemento grigio, che ben si armonizzava con il colore della strada preesistente, in pietra, punto di partenza del progetto.

All’interno, le geometrie sembrano scontrarsi, congiungendosi tramite un atrio dal taglio morbido che collega i due piani. Gli ambienti dedicati alla quotidianità sono stati posizionati in vicinanza l’uno all’altro per rendere la casa maggiormente user friendly. A questi si aggiungono spazi dedicati al benessere e alle passioni della proprietà.

Grande estimatore e collezionista, il committente desiderava uno luogo dove poter esporre le proprie opere d'arte. Sono stati così creati diversi ambienti di ampia metratura destinati alle mostre, in grado di ospitare un gran numero di persone. Per proteggere le opere dai raggi nocivi del sole, sono state create grandi persiane sui prospetti sud e ovest, che chiudono anche l’edificio in modo uniforme.

Utilizzato per le porte esterne, il garage e l’area piscina, Microtopping Ideal Work, soluzione che consente di realizzare superfici continue, interne ed esterne, prive di giunzioni, contribuisce a conferire l’effetto cemento, fondendo ogni elemento nell’altro.

L'innovativo prodotto, completa e ridefinisce il progetto nel suo complesso, conferendo l’effetto del calcestruzzo a vista al garage e rivestendo le porte che si affacciano all’esterno, in modo che si integrino perfettamente con le facciate in cemento. Specificatamente trattato, Microtopping garantisce inoltre una buona protezione dalla penetrazione dell’acqua e dai sali disgelanti, un’ottima resistenza ai raggi UV e alle sollecitazioni climatiche, proprietà che lo hanno reso ideale anche per rivestire il pavimento della zona piscina.

From the Garden House non si limita ad essere una residenza privata, è un progetto per la comunità, che porterà alla creazione di un grande complesso residenziale che utilizzerà fonti di energia alternative e rigenererà aree di terreno inattivo per creare una nuova zona di urbanistica verde.