Da Alcova a Baggio, ai nuovi spazi in Certosa e persino fuori Milano, a Baranzate: il FuoriSalone allarga la mappa del design e spinge il pubblico a inoltrarsi nelle periferie e scoprire una Milano diversa

Anche per il FuoriSalone 2022, Alcova sarà a Baggio. L’anno scorso è stata una delle location più visitate, segno che il pubblico del design ama i luoghi inediti, non importa se lontani o lontanissimi dal centro. Non è una novità: da sempre il FuoriSalone porta alla ribalta gli spazi sconosciuti della città. Ma ora curatori e organizzatori osano sempre di più e sembrano spingersi sempre più in là.

Basti pensare che il collettivo belga Zaventem Atelier (composto da artisti e designer) approda all’ex fabbrica Necchi di Baranzate - quindi addirittura in provincia - insieme a un piccolo numero di ospiti selezionati. E che Margriet Vollenberg, ex founder di Ventura Project, presenterà insieme a Beyond Space, una collettiva in zona Certosa (Certosa Initiative).

Leggi anche: Il FuoriSalone 2022 al Brera Design District

 

Come saranno i nuovi distretti del FuoriSalone 2022

Baranzate Ateliers

via Milano 251, Baranzate

È la seconda volta al FuoriSalone per Zaventem Ateliers. L’occasione è la riapertura del’ex fabbrica della Necchi al pubblico. Un gioiello di archeologia industriale e un pezzo importante della storia del design italiano. Oltre ai 21 artisti, designer, scenografi del collettivo, ci sono alcuni selezionati 'amici':  Galerie Philia, Everyday Gallery, Modern Shapes, Ben Storms, Atelier Serruys, Mircea Anghel e Bela Silva.

Il plus: Belgium is Design, l’organizzazione che ogni anno seleziona il meglio del design belga per il FuoriSalone di Milano (e per tutti i più importanti eventi di design nel mondo), sarà partner di Zaventem Ateliers.

Leggi anche: Il FuoriSalone 2022 alle 5Vie

Certosa Initiative

via Barnaba Oriani 27

Certosa District promette di diventare la location di cui tutti parlano durante il FuoriSalone 2022. Finora Margriet Vollenberg, founder di Certosa Initiative insieme allo studio di architettura olandese Beyond Space, non ne ha sbagliata una.

Da Ventura a Lambrate, fino alla Stazione Centrale ha portato nella mappa della design week milanese quartieri ignorati e remoti. Dove è approdato spesso un mondo progettuale sconosciuto e all’avanguardia.

Leggi anche: Il FuoriSalone 2022 in giro per la città

Alcova

via Simone Saint Bon 2

Talenti emergenti, progetti inediti, professionisti internazionali accomunati da un’attitudine alla ricerca delle nuove frontiere del progetto. Con la curatela di Valentina Ciuffi e Joseph Grima, Alcova è il luogo giusto per capire davvero cosa significa design oggi a livello globale.

Molti i prodotti, con una preferenza per l'esplorazione di nuove tipologie. Ancora di più le installazioni, i site specific e le sperimentazioni che sconfinano in ogni direzione: sociale, filosofica, economica.

La novità rilevante, oltre all’apertura di nuove parti del parco urbano di Baggio, la sezione Curated by Alcova. Una piattaforma per presentare le più interessanti promesse del design provenienti dalle principali scuole di tutta Europa.

Leggi anche: Il FuoriSalone 2022: gli eventi in centro e dintorni

Cosa vedere ad Alcova durante il Fuorisalone 2022: la selezione di Interni

Water School

Studio Makkink & Bey

Da vedere perché: Il duo olandese ha inventato un percorso progettuale sul tema educational, basando tutto il lavoro sulla presenza simbolica dell’acqua. Workshop costruiti ad hoc, una solida sperimentazione in scuole di ogni ordine e grado. Una visione interessante.

Il plus: didattica e scuola sono due temi hot e pochi ne parlano.

Leggi anche: Il FuoriSalone 2022 in Zona Tortona

This is America

Aditions e Hello Human

Da vedere perché: Aditions è uno studio di progettazione e Hello Human è un’agenzia di comunicazione. Entrambi hanno una vocazione sull’inclusività razziale e di genere. This is America è il loro contributo per portare voci diverse alla Design Week di Milano in tema di progetto statunitense.

Il plus: prodotti poco visti in Europa, che parlano linguaggi visivi diversi e raccontano l’americanissimo mondo delle communities.

Leggi anche: il FuoriSalone in giro per la città

Monumental Wonders

SolidNature

Da vedere perché: una collettiva di nuovi pezzi in pietre naturali commissionati da SolidNature allo studio OMA e alla designer olandese Sabine Marcelis. Sarà un’esperienza immersiva nell’edificio Lavanderia di Alcova. E sarà anche una sfida per mostrare le possibilità di applicazione delle pietre naturali.

Il plus: Il lavoro ultra seducente di Sabine Marcelis. Un bagno monolitico di onice rosa, da ammirare come una scultura.

Forite Tiles, Common Sands

Studio Plastique, Snoehetta e Fornace Brioni

Da vedere perché: a volte la ricerca sul riuso o l’upcycle confonde le idee. Sembra non approdare a risultati concreti nella messa a punto di un prodotto. In questo caso non è così: i tre attori della ricerca Common Sands sono arrivati alla messa a terra di una ricerca durata tre anni.

Il plus: un progetto virtuosamente collaborativo. Studio Plastique ha avuto l’intuizione e perseguito la ricerca, Snoehetta ha aiutato a dare una forma concreta alle possibilità produttive e Fornace Brioni ha chiuso il cerchio.

LoopLoop

Magic Colour Machine

Da vedere perché: una versione su piccola scala di un processo industriale e un’esplorazione di un modello produttivo. Risponde alla domanda: come produrre in modo sensato?

Il plus: infrastrutture su piccole scale per sperimentare in modo autonomo senza sacrificare l’efficienza del processo

Altri eventi FuoriSalone 2022 fuori zona (lista in aggiornamento):

 

  • Temenos

Baranzate Ateliers

Con una grande installazione, Galerie Philia presenta la prima collezione di collectible design di Studiopepe: pezzi di design scultoreo, realizzati in edizione limitata, tra cui spiccano un set di sedie monolitiche, una console, uno specchio e una lampada.

  • Ad Alcova:

 

French Cliché

Oggetti ordinari ridisegnati da giovani artisti e creatori francesi per gli editori French Cliché.

Insectum, Kickie Chudikova

Una giungla lussureggiante con elementi V/R per esplorare la bellezza degli insetti.

I never read

Un collettivo di artisti, autori, design ragiona sul libro come strumento di produzione artistica.

Disrupted Stability

Frutto di una riflessione sul cambiamento climatico, la collezione di elementi in legno di larice squarciati e bruciati realizzata da Tipstudio con Studio F mette in scena un paesaggio post apocalittico.

Urne.Rip

Una selezione di urne cinerarie realizzate in edizione limitata e progettate da artisti, architetti e designer, con lobiettivo di riconsiderare il concetto di perdita e assenza

Cover photo: Certosa Initiative, Fields, Marjan Veltkamp at Masterly, Milan 2019