Louis Vuitton celebra i 10 anni della collezione Objets Nomades con un molteplice tributo al ritorno del bien vivre milanese

In occasione del FuoriSalone 2022 Louis Vuitton espande temporaneamente la sua presenza nel centro di Milano, con un sistema di iniziative che condensano eleganza e vivacità cosmopolita, da sempre tratti distintivi del brand.

Focus centrale della presenza della maison alla Design Week sarà l’esposizione della nuova collezione degli Objets Nomades al Garage Traversi di via Bagutta, 2 in Piazza San Babila e nei pressi della boutique milanese del brand.

Un appuntamento speciale che segna due tributi importanti, contemporaneamente per la maison e per la città: da un lato, la mostra di Louis Vuitton, giunta alla sua V edizione, sarà infatti un omaggio ai 10 anni dalla nascita della collazione di arredi ‘nomadi’ – per la prima volta presentati dal brand nel 2012; la location poi, è d’eccezione: il Garage Traversi torna infatti a vivere dopo 15 anni di inattività, prestando la sua unicità architettonica (fu progettato nel 1939 dall’architetto Giovanni de Min) alla ‘nuova vita’ milanese, con un nuovo volto che si preannuncia devoto al lifestyle e al bien vivre metropolitano.

E ancora, in sinergia con la rinascita di Milano, Louis Vuitton contaminerà due scrigni di Piazza San Babila: il chiosco di fiori e l’edicola del distretto, che saranno rispettivamente allestiti con l’esposizione dei fiori Origami in pelle di Atelier Oï, il primo, e con le collane di City Guide, Travel Book e Fashion Eye pubblicati dalla Maison, la seconda.

In particolare quest’ultima iniziativa rappresenta un tassello aggiuntivo al progetto internazionale itinerante delle 'librairie éphémère' di Louis Vuitton, che con contemporanea dinamicità e tradizionale eleganza si propone di valorizzare la qualità e la bellezza dei contenuti editoriali.

La prima città italiana ad aver ospitato la creatività della Maison è stata Venezia, in occasione dei giorni di inaugurazione della Biennale d’Arte 2022, quando Louis Vuitton allestì 6 edicole.

A Milano, durante tutta la Design Week gli esperti Louis Vuitton affiancheranno gli edicolanti, per introdurre i visitatori alla scoperta delle collane di viaggio della Maison, riconoscibili dalla vivacità dei colori e dall’elegante e accurata semplicità del confezionamento. Un prodotto da collezione a tutti gli effetti.

Per quanto riguarda gli Objets Nomades, quest’anno sono numerosi i designer coinvolti: tra le novità, il pouf Merengue dei fratelli Campana in tre colori insieme ad Aguacade, un paravento multi colore e modulabile; la Petal Chair dello studio Marcel Wanders dalla struttura organica e le linee sofisticate; il Cosmic Table di Raw Edges con la sua base innovativa in fibra di carbonio e il piano in vetro simile al ghiaccio.

Vi è poi il Totem Lumineux dello Studio Louis Vuitton, un'elegante torre di sfere colorate in vetro di Murano; le nuove sedute in preziosa pelle Belt Stool e Belt Lounge Chair di Atelier ; i Signature Armchair & Sofa, con i gli archi aggraziati e fluidi, ispirati ai campi terrazzati in Cina e alle formazioni rocciose del deserto negli USA, disegnati da Frank Chou, l’ultimo designer ad unirsi al progetto Louis Vuitton Objets Nomades, sono anche i primi appositamente progettati per l’arredo da esterno e sono rivestiti in un tessuto dal colore brillante 'Brio' del brand italiano Paola Lenti.