Cosa aspettarsi (e perché) al FuoriSalone 2022: tra eventi da non perdere, distretti da vedere e nuove location da scoprire

Con l'avvicinarsi del FuoriSalone 2022, dal 7 al 12 giugno, gli amanti del design di tutto il mondo si stanno chiedendo cosa è lecito aspettarsi e quali sono gli eventi da non perdere alla Milano Design Week 2022.

Su internimagazine.it vi aiuteremo a costruire le vostre risposte a queste domande fornendovi quante più informazioni possibili per orientarvi e fare le vostre scelte per organizzare la migliore visita possibile alla kermesse di design più grande al mondo.

Il primo consiglio, quindi, è stay tuned.

Abbiamo infatti già iniziato a organizzare per voi gli eventi da non perdere al FuoriSalone 2022 in anteprima, zona per zona. A partire dal 3 giugno metteremo online la Guida FuoriSalone 2022, con tutti gli eventi registrati nella storia guida di INTERNI, giunta alla 30sima edizione. E, dal 7 al 12 giugno, offriremo il nostro sguardo più critico e analitico sulla Design Week: parlando di giovani talenti e dove trovarli, di ricerca e innovazione, di materiali, moda, arte e tecnologia e raccontandovi le più belle installazioni (e perché pensiamo che siano interessanti).

Iscriviti alla Newsletter di INTERNI per avere aggiornamenti quotidiani sul FuoriSalone 2022

Leggi: Il FuoriSalone 2022: gli eventi da non perdere al Brera Design District

Leggi: Il FuoriSalone 2022: gli eventi da non perdere alle 5Vie

INTERNI Design Re-Generation: il grande evento di INTERNI alla Statale e in altre location

INTERNI Design Re-Generation, la mostra-evento ideata e coordinata da INTERNI e co-prodotta con Audi, Plenitude e Whirlpool, si terrà dal 6 al 13 giugno in occasione del FuoriSalone 2022 e del Salone del Mobile 2022 (7-12 giugno 2022).

Le installazioni di INTERNI Design Re-Generation, disegnate da illustri progettisti in ambito nazionale e internazionale e supportate da aziende e istituzioni, saranno, come di consueto, all'Università degli Studi di Milano, all'Orto Botanico di Brera, all'Audi House of Progress e in altre location che saranno presto svelate.

INTERNI Design Re-Generation avrà un mini-sito dedicato su internimagazine.it (online dal 27 giugno) da cui saranno visibili i rendering delle installazioni e poi, dopo l'apertura ufficiale del 6 giugno, le immagini delle opere, con le video-interviste agli architetti che le hanno progettate.

 

FuoriSalone 2022: cosa aspettarsi dalla Milan Design Week di quest'anno?

1. Un numero di visitatori a cui non siamo più abituati

Innanzi tutto il pienone. Guida di INTERNI alla mano, abbiamo infatti la certezza matematica che, almeno per quanto riguarda il numero di eventi, il FuoriSalone 2022 sarà come quelli pre-Covid. Una constatazione che viene confermata anche dai numeri che il Salone del Mobile stesso ha finora comunicato: la sessantesima edizione avrà infatti 7 manifestazioni, che occupano tutti i 24 padiglioni di Rho Fiera Milano per 200mila mq di superficie e 2000 espositori, di cui il 25% stranieri.

2. Tanti eventi negli showroom dei marchi

La seconda cosa da aspettarsi da questo FuoriSalone 2022 è il ritorno degli showroom al ruolo che hanno sempre avuto in città durante il FuoriSalone e che avevano in qualche modo perso, alla scorsa edizione quando il Salone del Mobile è stato sostituito dal Supersalone.

Nel 2021, infatti, i negozi dei marchi di design hanno sostituito il Salone del Mobile come luoghi di ritrovo per i dealer italiani e internazionali, ambienti privati dove raccontare le nuove collezioni a una platea ristretta di addetti ai lavori.

Al FuoriSalone 2022, invece, gli showroom ospiteranno sicuramente le novità prodotto ma torneranno anche a ospitare eventi collaterali, mini-installazioni, interpretazioni e installazioni realizzate da designer e (sempre di più) da artisti.

Difficile, anzi impossibile, menzionarli tutti (per questo c'è la nostra Guida). I distretti da visitare a tappeto, però, sono quelli a più alta densità di showroom: Brera, via Durini, Corso Monforte, via Manzoni e ovviamente tutto il quadrilatero della moda.

3. I riflettori sulle periferie dove andranno in scena i progetti curatoriali

Terzo, ma assolutamente non minore, sarà l'attenzione che dovrà essere dedicata alle periferie.

Mentre i distretti del design di Milano lavoreranno a pieno ritmo - dando sempre più spazio alle grandi aziende - le aree di confine si riconfermano infatti come i luoghi d'elezione per i grandi progetti curatoriali:

  • See The Stars Again è il titolo (dantesco) che Flos ha scelto per il suo evento-mostra-happening che celebra i 60 anni della nascita dell'azienda e, soprattutto, il nuovo corso dell'azienda: il concept espositivo, a cura di Calvi Brambilla, racconta infatti il modo di ideare, raccontare e anche vendere la luce di Flos. La location scelta per la kermesse, che conterrà anche un palco per spettacoli, un ristorante e una libreria, è un enorme spazio ex-industriale vicino alla Fondazione Prada: un luogo lontanissimo dal centro e, nella mente dei milanesi, dedito all'arte, alla sperimentazione e alla tecnologia (qui c'è Talent Garden, Fastweb etc) più che al design. Flos via Orobia 15
  • Alcova 2022 sarà, come l'anno scorso, a Baggio nel ex ospedale militare (MM Inganni): la collettiva, a cura di Joseph Grima e Valentina Ciuffi, originariamente presentata a Nolo, promette un mix di nomi più e meno noti e una nuova sezione Curated by Alcova, una piattaforma dedicata a mettere in evidenza i talenti più interessanti che emergono ogni anno dalle scuole di design di tutta Europa. Alcova, via Simone Saint Bon, 1
  • Zaventem Atelier è uno spazio multidisciplinare belga, nei pressi di Bruxelles, concepito come una bottega in cui artigiani, designer e artisti collaborano con spirito cooperativo e corporativo. In occasione del FuoriSalone 2022, Zaventem Atelier occuperà una ex fabbrica della Necchi a Baranzate con Baranzate Atelier, dove si racconterà il lavoro del collettivo: uno spazio pensato come un luogo abitato in cui entrare in contatto diretto con i creativi per condividere la loro visione sul divenire dell’abitare. Via Milano 251, Baranzate (MI)
  • Certosa Initiative, di Organization in Design e Beyond Space: pochissime informazioni sono a ora disponibili su questa première che raggrupperà aziende e designer internazionali ma siamo curiosi - Via Barnaba Oriani 27
  • You Don't Want Space, You Want To Fill It da Marsèll Paradise Via Privata Rezia 2 sarà una mostra che incrocia opere di professionisti contemporanei e transdisciplinari che si muovono tra il contesto visivo e performativo, il naturale e l'artificiale, l'umano e l'animale, il tattile e il sonoro: un invito alla socializzazione, all'attività e all'osservazione di Lisa Ertel, Fenna Schilling, Phillip Schueller, Collo, Delfiné & Loft Garten, Mirka Laura Severa e Jannis Zell. Via Privata Rezia 2

 

Immagine di copertina di Giacomo Giannini, dal libro XXX-Y 30 anni di FuoriSalone, a cura di INTERNI per Electa (leggi qui sul libro, compralo qui)