Milano sembra rinata grazie a questo FuoriSalone 2021. Non solo in centro o a Brera, ma nelle periferie più remote. E, sorpresa, molte installazioni non scompaiono con la chiusura del FuoriSalone

È bello vedere le code a Inganni per entrare da Alcova o incontrarsi a Crescenzago per visitare Assab One. Arrivare fino a piazza Gino Valle, o al nuovo Superstudio Maxi alla Barona. È segno che la città è disposta a lasciarsi vivere, i quartieri ad aprire le porte al pubblico un po’ invadente del design. 

Leggi anche: il FuoriSalone 2021 alle 5Vie: per capire come funziona il design

Assab One, Scultografie di Daniele Papuli e 1+1+1/2021 a cura Federica Sala 

Due mostre diverse, con finalità quasi divergenti. Daniele Papuli è un artista che lavora con la carta. Il site specific Cartoframma Bianco è fatto con 42.000 fasce di carta provenienti dal riuso delle lavorazioni tipografica. Un’opera da guardare con pazienza, che evoca una specie di dedizione visiva. Le ombre e i colori cambiano mentre si circumnaviga un’isola di carta che non ha nulla di fragile. 

Leggi anche: Il FuoriSalone 2021 della luce: Corso Monforte

Diversa la ricerca di 1+1+1/2021. Da un progetto della fondatrice di Assab One Elena Quarestani, curato da Federica Sala (che si è occupata anche della mostra di Marcin Rusak). La relazione fra diversi artisti e fra loro e lo spazio che occupano è il tema centrale del format, già collaudato gli anni scorsi.

Leggi anche: il FuoriSalone 2021 in Tortona: indagine sul futuro

Quest’anno il tema comune è guardare l’esistente con occhi meno invadenti, coltivare uno sguardo creativo. Federica Sala ha scelto gli architetti olandesi Jan De Vylder/Inge Vinck, Claudia Losi e il duo Carretto/Spagna.

La cura e l’attenzione sono le protagoniste delle installazioni. Entrambe le mostre chiudono il 16 ottobre.

Piscina Cozzi, Be Water di Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari

La gigantesca installazione dei due fondatori della rivista d’arte Toiletpaper alla piscina Cozzi rimarrà a decorare i muri di uno dei luoghi più tipici e amati della città fino a settembre 2022. Il murales raffigura una donna immersa nell’acqua, che guarda il mondo con occhi indecifrabili. Ammicca? Chiede aiuto? Dialoga con chi nuota nelle vasche? Una bellezza leggibile e super decorativa, che parla soprattutto dell’intelligente operazione imprenditoriale di Toiletpaper e cerca, virtuosamente, un dialogo con la città.

Leggi anche: Il FuoriSalone 2021 in Brera visto per voi

Alcova

Valentina Ciuffi e Joseph Grima si avventurano fino a Inganni e collocano Alcova in una parte abbandonata dell’ospedale militare di Baggio. Quella abitata dalle suore della Carità, impegnate a prestare servizio nelle corsie ospedaliere. Più altre due palazzine: la lavanderia e i locali di disinfezione. Cinquanta espositori si sono confrontati con gli spazi vetusti, intoccati, invasi dalla vegetazione del giardino incolto. Sembra un’installazione di Greenaway, o una virata decadente di Wes Anderson.

Alcuni interventi davvero interessanti, come quello di Design Switzerland o di HEAD – Genève, con il suo Milk Bar, progettato dagli studenti di design con la cura di India Mahdavi. Ma rimane il dubbio che il contenitore sia un po’ più protagonista del contenuto. In maggiore dialogo con gli spazi è quello di cui si sente la mancanza. 

Leggi anche: il FuoriSalone 2021 visto per voi: via Durini e dintorni

Teatro Arcimboldi, Vietato l’Ingresso 

Diciassette progetti inediti i grandi studi di architettura per altrettanti camerini del Teatro Arcimboldi. E non ce n’è uno che si possa dire poco interessante. Una serie di interventi misurati, spesso emozionanti, che dialogano con un luogo originariamente poco pensato.

Il camerino dell’artista è per definizione spoglio, poco più di una stanza di servizio. Nega la funzione di accoglienza provvisoria, di luogo magico in l’essere umano diventa performer: misteri del teatro. Gli studi scelti da Giulia Pellegrino hanno interpretato quei pochi importantissimi metri quadrati. Secondo alcuni, l’evento più bello del FuoriSalone 2021.

Articolo in aggiornamento

 

Foto di copertina: Be Water, grande installazione site specific, ideata da Toiletpaper, il progetto editoriale di sole immagini a firma dell’artista Maurizio Cattelan e del fotografo Pierpaolo Ferrari, realizzata alla Piscina Cozzi, in viale Tunisia 35, in collaborazione con Desigual e promossa dal Comune di Milano e Milanosport.