Dalla carta fatta a mano agli inviti d’autore fino al rilancio (creativo) di cartolerie ed edicole. Sono numerose le iniziative che rispondono al bisogno di focalizzare l’attenzione sulla carta per non disperdersi nel mare magnum del web

Siamo iper connessi, bombardati da una costante raffica di notifiche, informazioni e comunicazioni di ogni genere (e credibilità). Se internet ci permette di fruire di un universo potenzialmente infinito di opzioni di conoscenza, di approfondimento, di scelta la sensazione restituita, oltre all’entusiasmo per le innumerevoli possibilità a disposizione, è la fatica: la fatica di sfrondare un mondo (letteralmente) a portata di mano, la fatica della selezione.

Dalla verifica delle fonti, all’individuazione dei contenuti che rispondono realmente alle nostre esigenze, la possibilità di una ricerca infinita (che potrebbe non finire mai in quanto sempre perfettibile) può creare disorientamento. E affaticamento mentale

Arginare (leccessiva) possibilità di scelta

Le tante, tantissime possibilità mettono a disposizione di chiunque una grande, grandissima ricchezza conoscitiva e accrescitiva, ma al tempo stesso possono portare alla frustrazione: di non poterle vagliare tutte, di non aver calibrato al meglio la ricerca, di poter rimpiangere le opzioni scartate, generando quindi insoddisfazione.

Un numero troppo alto di opzioni può rendere il processo della scelta troppo costoso in termini di energia a fronte dei benefici ricavati. La mente ha bisogno di concentrazione, di spazi bianchi (letteralmente), per focalizzarsi su una - sola - cosa - alla - voltaDisconnessa da notifiche disturbanti.

Ecco, quindi, il ritorno alla carta. Abbiamo riscontrato una serie di iniziative legate al design, allarte e alla moda che agli echi vintage nostalgici associano una concreta esigenza, fisica e mentale. 

Concentrazione, senza notifiche: concedersi il piacere di leggere e di scrivere (a mano) 

Se la necessità è quella di avere (poche) certezze rassicuranti, il pensiero non può che tornare ai tempi della scuola, delle lezioni di bella scrittura e del sussidiario. Al piacere di scrivere a mano e di sfogliare libri come fossero scrigni preziosi, depositari di fantasiose mappe, possibilmente del tesoro.

Ha stupito e incantato la Gucci Cartoleria, reinterpretazione delle meraviglie della classica cartoleria italiana andata in scena nella boutique della maison fiorentina dal 5 al 17 settembre 2021 durante il FuoriSalone. La creatività colta ed eclettica, mai banale, del direttore creativo Alessandro Michele ha fatto venir voglia di tornare a scuola per poter scegliere quaderni, astucci, penne e pastelli colorati (griffati) o anche solo per rifugiarsi in questa wunderkammer in miniatura.

Il design da leggere pubblicato da Electa

Loggetto-libro dipinge storie a scomparsa

La mostra Fore-edge Painting, al Macro - Museo dArte Contemporanea di Roma fino al 23 gennaio 2022, dona una connotazione artistica inaspettata, quasi fiabesca, alloggetto-libro. Otto artisti internazionali sono stati invitati a confrontarsi liberamente con l’antica tradizione di decorare il taglio dei libri (fore-edge) con dipinti e illustrazioni.

Ne sono nate opere dalla natura ibrida sorprendenti, esposte anche nellevocativa Sala del Disegno della Bibliotheca Hertziana – Istituto Max Planck per la storia. Volumi che narrano storie dipinte a scomparsa’: quadri segreti che appaiono solo inclinando le pagine. Decorazioni floreali, paesaggi, scene di repertorio o erotiche realizzate piegando a ventaglio le pagine dei libri e spesso dorandone poi il taglio, per nasconderle.

Leggi anche: il Macro, un museo da sfogliare

Nuove generazioni e antiche abitudini, tra digitale e analogico

Usare le tecnologie contemporanee per vergare un messaggio in bella calligrafia. Concedersi il tempo la lentezza di assaporare ogni gesto, sia per chi la lettera la manda sia per chi la riceve. E aspettare, un segno, una risposta.

Con il servizio Pineider Express, il brand fiorentino offre la possibilità di inviare, tramite il proprio sito, lettere personalizzate interamente scritte a mano. Una forma di comunicazione legata ai prodotti artigianali che valorizza gli strumenti che da sempre consentono all’uomo di dialogare a distanza.

Leggi anche: Newsletter che funzionano

Si può scegliere il tipo di carta e il formato, la versione speciale o classica, dalla texture liscia filigranata, sfrangiata o dal taglio netto, per poi selezionare il colore del foglio e dell’inchiostro e infine abbinare le buste foderate, filigranate e personalizzate a secco. Una volta mandato il messaggio da recapitare, i calligrafi Pineider lo trascriveranno sul biglietto con un elegante corsivo inglese, insieme al destinatario sulla busta. La spedizione e l’affrancatura sono compresi nel servizio.

Leggi anche: un fotografo, sette scatti, sette scrittori e sette attori uniti in un progetto epistolare

Focalizzarsi su una cosa alla volta: la lentezza dei processi artigianali 

Se un maggior numero di opzioni disponibili comporta una maggiore difficoltà nel compiere una scelta e troppi – costanti, martellanti stimoli generano confusione, la soluzione può essere quella di fermarsi (respirare) e imparare pratiche antiche: gesti lenti e sapienti che occupano le mani e liberano nella mente. Come fare la carta a mano. Materica, imperfetta, meravigliosa.

Museo della Carta di Mele: imparare i gesti sapienti e pazienti per fare la carta a mano

Testimonianza dell’antico sapere dell’arte cartaria, fondamentale per lo sviluppo del territorio della Val Leira già dal XV secolo, il Museo della Carta di Mele di Genova è situato nell’antica cartiera Piccardo, edificata nel 1756 e attiva fino al 1985. Ora, nelle sale dellopificio, si può intraprendere e ricalcare il percorso che facevano gli stracci di fibra vegetale e la carta da macero per diventare nuova carta. A mano, foglio per foglio, con cura, costanza e pazienza.

Il museo ospita il primo laboratorio di produzione esclusivamente artigianale di carta della Liguria e un bookshop dedicato alla vendita diretta dei manufatti. Macchinari d’epoca perfettamente conservati e percorsi multimediali accompagnano il visitatore in maniera coinvolgente in tutte la fasi della produzione cartaria. Sul sito del Museo della Carta di Mele viene spiegato e illustrato, passo dopo passo, laffascinante processo di produzione della carta fatta a mano.

Le edicole tornano di moda, in versione total look

Un archivio di immagini, testi, disegni, segni, grafiche e alfabeti stilistici per fotografare la storia recente presentato (anche) in una serie di edicole e librerie, total look Valentino ovviamente.

Per il progetto editoriale Valentino VLogo Signature Vol.II, la seconda edizione dell’artbook della maison che coinvolge 26 testate indipendenti internazionali chiamate a interpretare il logo Valentino, il direttore creativo Pierpaolo Piccioli ha pensato a una serie di iniziative analogiche’ in tutto il mondo (Milano, Parigi, Pechino, Tokyo, New York, Seoul) tra cui spiccano le edicole milanesi di via dei Giardini, in occasione della Milano Design Week, di Corso Genova e quella di San Lorenzo in Lucina a Roma.

Leggi qui: l’edicola salvata in Largo Treves a Milano

Inviti d’autore che sono essi stessi opere d’arte

Se oggi abbiamo le caselle di posta elettroniche intasate di Save the Date digitali, un tempo gli inviti a mostre e vernissage, sfilate ed eventi erano cartacei. Ed era studiatissimi, dalla grafica alla scelta del formato e della carta, pensati per sorprendere, attirare e restare nella memoria. Un inno alla creatività e alla fisicità.

In occasione del FuoriSalone 2021, Paper & People ha ospitato La Creatività dell'Effimero, un’esposizione di inviti a eventi di design e sfilate di moda, in carta e cartoncino, raccolti dagli anni ’80 ad oggi, conservati con la cura e la passione di un collezionista, da Patrizia Scarzella, Ines Paolucci e Silvia Motta. 

Le splendide stanze affrescate di Palazzo Monti, progetto artistico ospitato in una dimora storica a Brescia, espongono fino al 13 novembre Invito a Palazzo, una mostra in collaborazione con L’Arengario Studio Bibliografico che presenta per la prima volta una raccolta di alcuni tra i più significativi inviti d’artista. 99 tra cartoline, poster e locandine concepite con un fine comunicativo, ma che, seguendo il processo creativo degli artisti (tra cui figurano Yves Klein, Lucio Fontana, Alighiero Boetti, Andy Warhol, Yoko Ono, Cindy Sherman e Sol Lewitt), sono diventate esse stesse opere d’arte.

Un’esposizione in formato cartolina per toccare con mano il futuro immediato

Una panoramica globale del fare architettura oggi in tutte le sue sfaccettature restituita sotto forma di cartolina. Un formato vintage per mostrare gli esiti creativi attuali e futuri.

In occasione dei 25 anni dell’USI-Accademia di architettura di Mendrisio, l’associazione AMA-Accademia Mendrisio Alumni, presso il Palazzo Canavée di Mendrisio (Svizzera) fino al 7 novembre 2021, presenta Postcards from the Immediate Future, un’esposizione collettiva di oltre 2400 ex alunni provenienti da 60 Paesi nel mondo.

Ciascuno è stato invitato a contribuire con un’immagine che rappresentasse al meglio la propria traiettoria professionale: un edificio realizzato, un oggetto di design, una fotografia, un disegno, un libro, un modello. Le immagini ricevute dagli oltre 300 partecipanti sono state poi stampate su oltre 30.000 cartoline che i visitatori della mostra possono guardare ma anche scegliere e portare con sé all’interno di un allestimento modulare appositamente ideato per formare una serie caleidoscopica di ‘finestre’ da cui gettare uno sguardo sulla vita e le opere degli ex studenti.

Carta stampata: qualità altissima, di contenuti ma anche di fattura

Da maneggiare, accarezzare, annusare, ammirare, anche tagliare: i libri editi Italo Svevo sono oggetti preziosi, da aprire, pagina per pagina, con il tagliacarte. Portatrice di quell’energia intellettuale che da sempre caratterizza la tradizione della città di Svevo, Trieste, la casa editrice si distingue per la cura, dei contenuti che propone ma anche della fattura del contenitore’, e per la coerenza stilistica.

Spazi bianchi (ad alto grado di tattilità) per rilassare corpo e mente

La casa editrice triestina propone un unico formato tascabile dalla copertina in brossura con lunghe bandelle e font riconoscibile. Dalla qualità (tattile) della carta alla rilegatura a filo refe, dagli ampi margini e spazi bianchi che restituiscono un’impaginazione ariosa, fino ai tagli laterali delle pagine intonsi, ogni libro Italo Svevo dona un’esperienza di lettura legata in modo imprescindibile alla fruizione di quello che si rivela un vero e proprio oggetto pregiato.

È così che il lettore si astrae dalle notifiche disturbanti per essere catapultato in un romanzo, appunto, ambientato in un’altra epoca, colta ed elegantissima. Una - sola - cosa - alla - volta. Pienamente.

Pochissime opzioni, super selezionate, (quindi) super esclusive

In un mondo sempre più stimolato ma anche disorientato, stressato dalliper connessione e dallattenzione sempre più sfuggevole, torna protagonista la competenza: affidarsi a chi ne sa.

Ecco quindi che se gli influencer più richiesti dai brand di nicchia sono quelli che coinvolgono attivamente i loro follower, non in base al numero di like ma alla fidelizzazione, si sente la necessità (fisica) di sedersi e aprire un libro, una rivista o un catalogo curatissimo: dalle grandi fotografie e con testi ariosi incorniciati da spazi bianchi (ampi e rilassanti) che non prevedono notifiche digitali ma neanche troppi micro-testi che sembrano emularle su carta.

Pubblicazioni che propongono un numero limitato di opzioni, frutto di una scelta competente, sapiente e mirata che ne enfatizza l’importanza. E godersele. Punto.

Scrivere come i maestri, per un ritmo (di vita) più lento e consapevole

Per chi ama la manualità, il gesto fluido e calibrato della scrittura e il ‘fatto bene italiano’ ci sono le nuove collezioni PdiPigna, brand dedicato al settore stationery Premium delle storiche Cartiere Pigna, guidato dallart direction di Matteo Ragni. Sono dedicate ai maestri del design del ‘900 italiano.

Il vero lusso, oggi, è off-line

Ecco che accanto ai taccuini che replicano i disegni originali di Enzo Mari per Danese nascono le nuove linee dedicate a Gio Ponti e alla mitica macchina da scrivere Lettera 22 di Olivetti.

Perché il vero lusso è potersi concentrale, rilassare o anche solo svagare, senza notifiche invasive. Il vero lusso, oggi più che mai, è off-line.

 

Cover photo: Pineider Express, il servizio con cui il brand fiorentino specializzato in carta, articoli da scrittura e pelletteria offre la possibilità di inviare, tramite il proprio sito, lettere personalizzate interamente scritte a mano.