Riflessi ha presentato una vasta e sfaccettata collezione di lampade per soddisfare ogni esigenza di gusto nel residenziale e nel contract. Tube è una micro-architettura dalle linee minimali

Tra le aziende di riferimento nel settore dell’arredo di design made in Italy, Riflessi ha di recente lanciato il nuovo Catalogo Illuminazione 2024: una raccolte di proposte dal preciso gusto estetico, ideale sia per le destinazioni residenziali sia per progetti contract.

Sartorialità e customizzazione

Una scelta, quella di presentare un’intera collezione inedita di lampade, spiegata dalle parole del presidente Luigi Fammiano: “Vogliamo che il nostro marchio sia sempre di più sinonimo di casa, che parli di ciascuno di noi e che possa identificare un luogo unico e personale in cui riconoscersi. L’illuminazione è un segmento fondamentale in questo senso e, in un’ottica di total look unico e coordinato, completa l’offerta con collezioni realizzate interamente nel nostro Paese, secondo la nostra ottica, che è quella della sartorialità e della personalizzazione”.

Qualità ecologica

La collezione di luci comprende novità che affiancano ampliamenti di gamma dei best seller più amati, definendo un’ampia selezione di proposte - disponibili nei corner e nei monomarca Riflessi - contraddistinte da un’elevata qualità dei materiali e delle lavorazioni. Le tecniche di verniciatura ecologiche utilizzate permettono di dare vita a numerose finiture che esaltano la componente materica dei metalli e il valore dei vetri artigianali.

Il valore della ricerca

Caratteristiche rese possibili dalla ricerca tecnologica di Riflessi, che affonda le radici nello storico know-how italiano: le lavorazioni tradizionali sono declinate su materiali all’avanguardia e, attraverso processi produttivi dall’impatto ecologico ridotto, il brand punta alla valorizzazione dei patrimoni artigianali e alla tutela di quelli ambientali.

Ampia libertà compositiva

Da citare, all’interno di questa ampia offerta, la nuova famiglia di lampade Tube, declinata nelle varianti: piantana (lanciata nel corso del FuoriSalone appena concluso), applique, sospensione verticale (singola o a sei elementi); o, infine, nella composizione orizzontale a tre elementi. Less is more è la filosofia sottesa a Tube, le cui linee minimali si articolano in un sorprendente gioco di trasparenze che suscita stupore. La scenografica sovrapposizione degli elementi genera una proposta dall’estetica atemporale, in grado di dialogare con i più diversi stili arredativi, conferendo agli ambienti un mood inaspettato.

Il rispetto delle proporzioni

Il nome della linea deriva dal modulo tubolare in vetro pyrex cannettato che accoglie le sorgenti luminose, disponibili nelle colorazioni trasparente, fumé o tabacco. Tube è da considerare una micro-architettura le cui proporzioni sono state attentamente sviluppate perché giochi un ruolo da protagonista ovunque venga collocata.