Dalla collaborazione tra l'azienda piacentina e Diego Grandi nasce una superficie di nuova generazione all'interno di un processo virtuoso di economia circolare. Tra le finiture dalla forte personalità, Selce evoca il fascino dell'ardesia

Nel 1962, Eva Bosi e Giorgio Rinaldi a Caorso, nel Piacentino, avviano la produzione di pannelli truciolari grezzi e nobilitati per l’arredo e l’interior design. Nasce Saib, che nel 1994 converte la produzione secondo i canoni della sostenibilità, introducendo il processo Rewood che utilizza legno a fine vita per realizzare eco-pannelli RPB (Regenerated Particle Board) basato su un sistema industriale che fonda i propri principi su quelli dell’economia circolare.

Innovazione e ricerca

Oggi l'azienda rigenera circa 600 mila tonnellate all’anno di legno proveniente dalla raccolta differenziata e investe continuamente in innovazione e ricerca sul prodotto per realizzare superfici performanti. Lo stabilimento comprende due linee continue di fabbricazione del pannello grezzo, cui si aggiungono quattro linee di nobilitato di ultima generazione per una produzione totale di 2.300 metri cubi di pannelli al giorno. Un impianto di essiccazione all'avanguardia permette di abbattere le emissioni confermando l’impegno dell’azienda nella tutela dell’ambiente.

Mathera: forza espressiva e resistenza

La superficie di nuova generazione Mathera nasce dalla collaborazione tra Saib e Diego Grandi nel nome del design e della sostenibilità per realizzare arredi ed elementi di interior belli e performanti. Tra le finiture dalla forte personalità, Selce evoca il fascino dell'ardesia. Il progetto si ispira al mondo dei materiali lapidei: un sottile strato di polveri di legno, pietra e quarzi, provenienti da scarti di lavorazione, amalgamate con leganti resinosi, propone un’interpretazione dei materiali naturali, associato a un pannello Saib - RPB frutto di recupero e rigenerazione di legno a fine vita. Grazie alla ricerca estetica di Diego Grandi e alla soluzione tecnologica dell'azienda, Mathera comunica grande forza espressiva e offre elevata resistenza a urti, graffi e strofinamenti.

Matericità e colore

Texture vibranti e sfumature cromatiche la rendono un elemento innovativo e versatile, adatto alla realizzazione di prodotti come piani cucina, tavoli, librerie e allestimenti completi su misura, tanto nel residenziale quanto nel contract. Ogni finitura in collezione - Areia, Selce e Gipso - è caratterizzata da una forte identità tattile e cromatica. Selce, in particolare, esplora il mondo delle pietre a spacco, attraverso una combinazione tra matericità e colore. Proposta in tre diverse tonalità di grigio, evoca le leggere increspature dell’ardesia, dovute alle lavorazioni di cava.