L’innovation lab dell’azienda ha creato Ipogeo, una collezione di finiture che punta sulla matericità e l'impatto sensoriale

Ipogeo è l’ultima collezione litica creata all’interno dell’Innovation Lab Margraf. La superficie del marmo è lavorata e rifinita da artigiani esperti. E infine declinata su richieste personalizzate, sartoriali. Il risultato è una collezione di marmi che sprigionano una forza visiva e percettiva fuori dal comune. La materia appare lavorata dagli elementi naturali, scavata dal tempo e dai fenomeni geologici. Una tavola su cui il tempo sembra voler scrivere le proprie storie per trasformare la superficie in una presenza viva, parlante.

Originalità e sartorialità

La ricerca Margraf crea un prodotto che mima, anzi moltiplica, l’aspetto naturale attraverso tecniche laboratoriali evolute. Ipogeo è una collezione che nasce dalla ricerca sempre più insistente di superfici ad alto contenuto sensoriale e, al contempo, in grado di rispondere in modalità custom made alle richieste di un target esigente, con idee chiare e un’aspettativa di originalità e sartorialità fuori dal comune. Si tratta di una ricerca estetica radicale, che stravolge la tradizionale percezione del marmo e cerca una tridimensionalità sulla superficie che sottolinea la particolare bellezza del marmo. Una materia nuova che nasce dall’intervento manuale, rispettoso della natura del marmo.

Finiture preziose

Ipogeo è composta da cinque superfici diverse, che si riproducono in modo continuamente diverso esattamente come accade in natura. La sovrapposizione dell’artificio, l’intervento della tecnologia è parte del fascino della collezione. Ogni pezzo è diverso dall’altro, alla ricerca di un’unicità sentita dai clienti come sempre più preziosa e desiderabile. Palus è la finitura che esalta materiali con venature larghe e consistenti, dal colore tendente al marrone o al verde. Pagos è la riproduzione del passaggio del ghiaccio, progettata per le superfici con venature uniformi e poco profonde. Origo crea un contrasto tridimensionale e cromatico con la superficie. Sisma è un movimento ondulatorio che si propaga in un pattern morbido. Metamorfosi è la superficie più elaborata: venature profonde con effetti materici al loro interno.

Sostenibilità e risparmio energetico

Tutto il processo di produzione Margraf è guidato dalla sostenibilità e dalla volontà di rispettare la materia e la sua origine. Per offrire ai propri clienti  (architetti, progettisti o utente finale particolarmente esigente) finiture sempre più particolari e soluzioni sartoriali di interior design ad altissimo livello, l’azienda ha deciso di puntare su nuove tecnologie produttive a controllo numerico che garantiscono basso consumo energetico e minor scarto di materiale. Per il loro utilizzo, l’headquarters di Chiampo si è dotato di pannelli solari di ultima generazione che garantiscono il 35% del fabbisogno energetico di produzione, con 728.420 kg/anno di mancata emissione di CO2, equivalenti a 249,1 tonnellate di petrolio all’anno risparmiate. L’impianto vicentino inoltre è dotato di sistema di depurazione delle acque per il riutilizzo delle risorse idriche necessarie alla lavorazione.