Illuminare la notte con un gesto progettuale discreto, rispettoso e delicato. La nuova famiglia Pointbreak di Flos Outdoor usa la tecnologia per non disturbare la natura.

La notte ha un senso nell’equilibrio dei processi naturali, per gli esseri umani e per la natura. Illuminare il buio è un gesto che andrebbe pensato con attenzione. Ha un significato profondo e c’è una grande differenza fra usare la luce con saggezza e disturbare la notte. Immaginando di descrivere Pointbreak, la famiglia di luci professionali disegnata per Flos Outdoor, Piero Lissoni pensa a una candela. La luce fioca, morbida, sensuale di una fiamma non è qualcosa che disturba, ma un modo per rendere ancora più bella e affascinante la notte. Tutto cambia al buio, e cambia ancora una volta se la luce rassicurante e diffusa si accende per segnalare un camminamento, mostrare un’architettura o dare vita a una piazza della città.

Pointbreak è un oggetto compatto e discreto in tutte le sue declinazioni. Il lavoro sulle geometrie ruota intorno alla figura del supercerchio, la via di mezzo fra un cerchio e un quadrato. Gli angoli smussati e le superfici pensate per contenere una funzionalità tecnologica rendono tutta la famiglia di lampade outdoor un oggetto ideale per scomparire nel paesaggio o sulle superfici di facciate e architetture. La luce dà un ritmo e una leggibilità all’ambiente esterno senza che niente ne disturbi le forme o stravolga l’atmosfera grazie a una fonte a flusso controllato che rispetta le norme sull’inquinamento luminoso. Soprattutto, rispetta la natura e la vita notturna degli animali e della vegetazione. E nel il modello Bollard l’emissione a 180° o 360°, a seconda della funzione, permette comunque una performance ideale e il giusto grado di luce, oltre a non abbagliare.

La famiglia Pointbreak si sviluppa in quattro modelli disponibili in diverse finiture, altezze e diametri. Balisage è il faretto per i sentieri, l’illuminazione a terra. In due versioni e quattro altezze è un oggetto che crea una luce radente per indicare percorsi e sentieri, rivelando le texture delle superfici grazie all’emissione verso il basso e senza nessuna dispersione di luce nell’ambiente. Bollard, in tre altezze e due diametri, approfitta di un gruppo ottico brevettato per un’emissione a 360° o a 180° e una luminosità impeccabile che elimina ogni forma di abbagliamento diretto. Pointbreak Ceiling è la versione da soffitto, per progettare la luce anche di spazi complessi con un bassissimo dispendio energetico e semplicità di montaggio. Wall infine è il modello che illumina le facciate. Due diversi diametri a emissione single o double, tre diverse ottiche arretrate con riflettore nero e opaco per non abbagliare e garantire il massimo comfort visivo. Il corpo dell’apparecchio di notte scompare completamente, per lasciare visibile solo il fascio luminoso sulle architetture grazie al full cut-off di serie. Le finiture selezionate per la famiglia Pointbreak usano ancora una volta un codice discreto e cromie neutre. Bianco, grigio, forest green, deep brown e nero antracite sono i colori disponibili per tutti i modelli.

Quattro modi di disegnare la luce outdoor e trasformare la notte in paesaggio. Flos esplora tutte le tipologie di prodotto, dalla lampada da interni che si adegua all’open air ai progetti per uso urbano e architettonico. Fino all’illuminazione degli spazi naturali. Tutto in un’ottica centrata su un uso intelligente delle fonti luminose e un lavoro progettuale che si sovrappone alla tecnologia nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente.

L’architettura illuminata