Disegnata per FontanaArte da Gabriele e Oscar Buratti, Thea è una collezione di lampade trasversale e versatile, attraverso la quale i designer proseguono la ricerca sul tema del rapporto tra luce e vetro

Iniziato con la creazione della lampada Equatore, il percorso di ricerca imboccato da Gabriele e Oscar Buratti per approfondire il rapporto tra luce e vetro segna una nuova tappa grazie a Thea, la loro nuova collezione sempre disegnata per FontanaArte. A definire il carattere di questa linea è lo studio volto a indagare la magia dei riflessi che, grazie alla doppia calotta, sprigiona la luce a contatto con le superfici curve in vetro.

Trasversale e versatile

La calotta interna infatti, in vetro opalino bianco, ha la funzione di diffondere la luce in modo omogeneo; la seconda, trasparente o colorata, raccoglie la luce e la moltiplica al suo interno. Disponibile nelle versioni da tavolo, terra, parete, soffitto e sospensione, Thea è una famiglia di lampade trasversale e versatile, studiata perché possa trovare collocazione sia in ambienti domestici sia in spazi pubblici e contract quali hotellerie, ristorazione e luoghi di lavoro.

Segni contemporanei

Nelle parole dei due designer si tratta di “un prodotto con un gusto raffinato e senza tempo, connotato da forme dal disegno ricercato che reinterpretano canoni classici e caratteri tipici del nostro design, proiettandoli in un contesto di segni contemporanei”.

Ricercata e discreta

La collezione propone due versioni della doppia calotta - piccola e grande - che poggiano su un'esile base a stelo, fissate direttamente a parete o pendenti dal soffitto. Espressione di un'estetica ricercata e discreta, Thea è realizzata in vetro trasparente e fumé e, per le parti metalliche, in nickel nero e rame lucido.