Mobili come atleti: i nuovi arredi si mettono in relazione col mondo dello sport

Con uno sguardo ironico il design entra in competizione in un campo sportivo, i mobili escono dallo spazio domestico per abitare stanze a cielo aperto, così lo sport diventa momento di incontro e condivisione. Per raccontare le novità della produzione li abbiamo decontestualizzati, trasformandoli in protagonisti sportivi che si sfidano in un campo da tennis o pronti a saltare gli ostacoli nel campo di atletica. Ringraziamo Milanosport e il suo Centro Sportivo Saini, che nasce nel 1975 ed è il centro sportivo più grande della città, un luogo unico, immerso nel verde e al cui interno è possibile praticare una moltitudine di sport.

Poltrona Rito di Matteo Thun e Antonio Rodriguez per Desirée combina la leggerezza ed essenzialità della struttura in tondino metallico verniciato opaco bronzo e la morbidezza avvolgente dell'imbottitura. La seduta, rivestita in pelle, è in piuma e poliuretano a densità differenziata con esclusivo sistema di sostegno a doghe, in fodera di tela antipiuma, ‎completamente sfoderabile.

Contenitore trolley su ruote Mi disegnato da Neri&Hu per Poltrona Frau fa parte della collezione Take Your Time 2021 la superficie esterna è rivestita in cuoio Saddle Extra con texture a canneté, a righe verticali, disponibile in 4 colori, qui nella versione Cammello; struttura in metallo che incornicia il corpo del mobile e funge da collegamento con il piano sopraelevato in marmo calacatta oro. Interno in noce canaletto, ripiano in vetro temperato.

Poltroncina Abrey di Gabriele e Oscar Buratti per Calligaris ha la struttura in legno e seduta con ampia spalliera curvata e avvolgente, fa parte di una collezione di sedie, poltroncine e sgabelli. Sgabello Sixty design Archirivolto per Connubia realizzato con fusto in metallo e rivestito in tessuto.

Poltroncina Lounge P47 design Franco Poli per Midj con base a slitta in metallo verniciato bianco e sedile rivestito in pelle, similpelle, tessuto o rivestimento cliente.

Poltrona Elsa di M2Atelier per Giorgetti, con struttura in noce, disponibile nelle finiture naturale, grigio e legno scuro, si svela completamente per diventare il segno distintivo del progetto. Un tubolare di metallo aggancia la seduta come in un abbraccio e sostiene lo schienale. I cuscini in tessuto o pelle sono sfoderabili. Nella foto è in noce grigio, seduta in pelle ottanio e schienale tessile infinity zoom menth.

Foto di Paolo Riolzi - Styling Carolina Trabattoni