Gruppo Mastrotto pubblica il suo primo Bilancio di Sostenibilità

Adesione agli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile, forte impulso al risparmio di risorse idriche ed elettriche, impegno sociale, un codice etico per i fornitori, risultati in termini di innovazione di prodotto e sostegno al proprio territorio: questi alcuni degli elementi che emergono dal Bilancio pubblicato nel 2021 dal gruppo industriale conciario.

Con i suoi 2 mila lavoratori attivi in 15 stabilimenti, di cui 11 in Italia e 4 all’estero (Brasile, Indonesia, Tunisia e Messico), Gruppo Mastrotto è uno dei player globali nel settore della produzione e lavorazione di pelli bovine per arredamento, calzatura, pelletteria, interni auto, nautica e aviazione. I suoi prodotti sono esportati in tutto il mondo, frutto di un’articolata e complessiva strategia di diversificazione merceologica e geografica.

L’azienda da sempre ha sviluppato la propria attività guardando a una cultura d’impresa basata sull’attenzione a clienti, fornitori e interlocutori d’impresa, alle persone, al rispetto per l’ambiente. Per questo motivo ha costruito negli anni il proprio modello di business, considerando centrali gli aspetti ambientali e sociali necessari per uno sviluppo sostenibile, attraverso investimenti importanti e mirati.

Sustainability, next level è diventato per il gruppo molto di più di un claim mirato a una serie di azioni concrete di responsabilità sociale, ma il manifesto di un valore fondante, il cui obiettivo ultimo è quello di poter dare un contributo concreto per costruire un mondo migliore per le nuove generazioni. La pubblicazione del primo bilancio di sostenibilità diventa per il gruppo l’evoluzione naturale di un percorso intrapreso ormai molti anni or sono. Per saperne di più sul Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Mastrotto, leggi qui.