A due anni dalla sua inaugurazione, Foqus – Fondazione Quartieri Spagnoli apre le sue porte per raccontare il punto di approdo del grande progetto di rigenerazione urbana, straordinario esempio di welfare partecipativo, realizzato senza risorse pubbliche.

Una tre giorni aperta oggi e che si chiuderà sabato 17 dicembre con una giornata aperta al pubblico tra balli, lezioni, mostre, musica, animazione e degustazioni.

 

Oltre alla narrazione del progetto dei Quartieri Spagnoli, l’iniziativa è occasione per:

– presentare Argo, il nuovo centro di eccellenza per l’abilitazione di bambini e ragazzi in condizione di disabilità e alle loro famiglie, nato grazie alle partnership con Ferrarelle e Fondazione con il SudIl progetto prevede e pretende di dare fattivamente, ad ogni individuo, le abilità di base per migliorare in modo autonomo, nel mondo della scuola, del lavoro, nelle proprie autonomie.

– illustrare le attività dell’Accademia di Belle Arti trasferitasi con diversi corsi negli spazi della fondazione.

– inaugurazione della scultura sonora Ho perso il contoopera inedita di Mimmo Paladino donata alla Fondazione.

 

10.000 metri quadrati, 136 nuovi posti di lavoro, 22 imprese insediate, più di 500 ragazzi dell’Accademia delle Belle Arti, 350 bambini nelle scuole materne e primarie, un nido, start up, società, imprese, mille presenze al giorno… avviato nel 2013 da Rachele Furfaro e Renato Quaglia, Foqus è un progetto unico di rigenerazione urbana.

gallery gallery
Scultura sonora Ho perso il conto, opera inedita di Mimmo Paladino donata alla Fondazione Foqus (foto Kontrolab)
gallery gallery
Scultura sonora Ho perso il conto, opera inedita di Mimmo Paladino donata alla Fondazione Foqus (foto Kontrolab)
gallery gallery
Avviato nel 2013 da Rachele Furfaro e Renato Quaglia, Foqus - Fondazione Quartieri Spagnoli ha sede in un antico convento nel cuore della Napoli spagnola ed è un progetto unico di rigenerazione urbana (foto Kontrolab)
gallery gallery
Conferenza stampa tenuta a Foqus, Fondazione quartieri spagnoli, cui hanno preso parte Rachele Furfaro e Renato Quaglia (Fondazione Foqus), Carlo Borgomeo (Fondazione con il Sud), Michele Pontecorvo (Ferrarelle), Giuseppe Gaeta (Accademia delle Belle Arti di Napoli) per illustrare Argo, Centro di abilitazione per bambini e ragazzi con disabilità avviato nell'ambito di Foqus, di cui sono stati illustrati gli sviluppi e il punto di approdo (foto Kontrolab)
gallery gallery
Argo, Centro di abilitazione per bambini e ragazzi con disabilità avviato nell'ambito di Foqus, la Fondazione Quartieri spagnoli, progetto di rigenerazione urbana (foto Kontrolab)
gallery gallery
Progetto sulla segnaletica aumentativa prodotta dall'Associazione Zapoi per Foqus. Si tratta dell'unico caso attuato nel Mezzogiorno, per agevolare la "vita" dei ragazzi del progetto Argo.