La galleria Nilufar approda sull’isola del Lido di Venezia per allestire gli spazi anni ’20 dell’aeroporto Nicelli e per proporre una mostra ceramica nell’ex distributore di carburante

In occasione dell’inaugurazione della Biennale Arte 2022, lo stile pionieristico della galleria Nilufar di Nina Yashar approda sulla rinomata cinematografica isola del Lido di Venezia per allestire due mostre presso il piccolo e delizioso aeroporto privato Giovanni Nicelli.

Leggi anche: 10 padiglioni e i Leoni d'Oro della Biennale Arte 2022

Se la sala arrivi/partenze delledificio anni 20 è allestita con pezzi storici di design in dialogo con opere contemporanee di designer/artisti davanguardia, l’ex distributore di carburanti dellaeroporto, ora Spazio Esso, ospita fino al 30 giugno 2022 le opere della ceramista Sin-ying Cassandra Ho.

Leggi anche: La Biennale 2022 dell’Arte: cosa vedere e come visitarla

Aeroporto e polo culturale

Un progetto di ristrutturazione iniziato nel 2019, ha reso laeroporto Giovanni Nicelli non solo un luogo strategico ed esclusivo, ma anche un nuovo polo culturale teso a promuovere larte in tutte le sue forme nel Lido di Venezia. Per concretizzare questa nuova visione, Stefano Rampinelli, direttore marketing e responsabile degli eventi, insieme a Laura Alfieri, responsabile della direzione culturale e artistica, ha affidato a Nilufar Gallery il compito di ripensare la sala arrivi/partenze dell’aeroporto.

Leggi anche: Fuori Biennale 2022: visto per voi

La mescolanza di design storico e contemporaneo

Nina Yashar, fondatrice della galleria Nilufar, ha curato un allestimento ad hoc per portare a Venezia il suo gusto pionieristico: un equilibrato mix di design storico e contemporaneo che riflette il carattere senza tempo dellespressione artistica. Opere di grandi maestri come Gio Ponti, Franco Albini, Ignazio Moncada, BBPR, Pietro Consagra, Angelo Lelii e Joaquim Tenreiro, dialogano con manufatti contemporanei di creativi come Martino Gamper, Bethan Laura Wood e Analogia Project.

Le opere in ceramica di Sin Ying Cassandra Ho

Nilufar firma anche Constructed Realities: Life Beyond Borders, la prima mostra personale di Sin Ying Cassandra Ho in Europa, co-curata da Nina Yashar e ArtHub e allestita presso lo Spazio Esso, lex distributore di carburante dellaeroporto.

La dimensione mutevole ma armonica

Il background multiculturale e al tempo stesso il forte attaccamento all’identità cinese ispirano la produzione artistica di Sin Ying Cassandra Ho: le opere in ceramica combinano le diverse influenze in una narrazione armonica ed equilibrata. Il mix di tecniche digitali e analogiche, insieme alla frammentazione del suo lavoro, genera una distorsione visiva che crea una dimensione mutevole, caratterizzata da un’influenza cubista.

L’approccio itinerante e multiculturale di Nina Yashar

Ho sempre desiderato adottare un approccio itinerante, portare le opere d’arte, ognuna con la propria storia, in giro per il mondo” spiega Nina Yashar. Farlo a Venezia, in particolare nella cornice del Lido, è un vero regalo, un’opportunità senza precedenti. Ho un forte legame con questa incantevole città, quindi sono più che felice di curare una selezione che rispecchi il suo carattere multiculturale e di collaborare con la mia cara amica Laura Alfieri”.