The Journey, Museo Archeologico di La Valletta, Republic Street, La Valletta, Malta - Dal 4 dicembre al 9 gennaio 2022

L'Agenzia Culturale di La Valletta (VCA) presenta una mostra di opere recenti dell'artista figurativo Patrick Dalli presso il Gran Salone del Museo Archeologico, nello splendore barocco della sede con affreschi, cicli di arabeschi e il ricco soffitto dalle travi in legno.

The Journey conta non meno di 34 dipinti, tra cui un bozzetto, incentrati sulla continua esplorazione del corpo umano condotta dall'artista. Spesso soprannominato maestro del nudo, Dalli non intende evocare qualità sensuali e sessuali nelle sue raffigurazioni, ma si concentra su bellezza e sensibilità del corpo umano nudo. Per l'artista la nudità è ancora un detonatore rivoluzionario anche se presente nell'arte da quando gli umani la creano.

“Il mondo femminile disarmato e disarmante. Donne che manifestano la loro regalità in un ambiente domestico, in diverse posizioni, prevalentemente sedute, su sedie, divani, sgabelli. Rigorosamente dure. Sole o in gruppi di tre. Una umanità essenziale, esclusivamente femminile, donne chiuse nella loro solitudine”, scrive Vittorio Sgarbi nell'introduzione al catalogo della mostra. “Il pittore Patrick Dalli le osserva senza pietà e senza indulgenza, e stabilisce con loro un confronto a distanza. Le interroga e non le carica di significati, ma si preoccupa di rappresentarne la nuda esistenza. Dalli le invita a resistere. Nulla di più naturale di un nudo. Quelli dipinti negli studi dell’Accademia sono esercizi di stile. Le nude di Dalli sono in un contesto domestico. Aspettano, guardano noi che le guardiamo e non temono giudizi.”

Nato a Malta nel 1955, Dalli si interessa principalmente di ritratti, paesaggi e nature morte. Nel 1995 ha iniziato una formazione sotto la guida di Anton Calleja esercitandosi nello studio della figura umana. È in questi anni molto attivi che Dalli concentra la sua pratica sul nudo. Negli anni successivi, insieme ad altri colleghi artisti, Dalli si esercita in live-session e partecipa a mostre collettive a Malta e all'estero, esponendo nudi, paesaggi e nature morte.

Il catalogo della mostra, con un'introduzione a cura di Vittorio Sgarbi e un saggio critico di Charlene Vella, è pubblicato da La Nave di Teseo, con il diritto d'autore dell'Agenzia Culturale La Valletta, ed è a cura di Elisabetta Sgarbi, editore de La Nave di Teseo. La mostra è coordinata da Valerio Ballotta (GBK Malta Ltd), insieme a Stefano Losani ed Elisabetta Sgarbi.