Interni omaggia l’estate, il relax, la rigenerazione: nelle architetture intorno all’acqua, negli arredi di design per l’outdoor da vivere en plein air, nel contatto con la natura e il paesaggio

Il numero di Interni di luglio-agosto vuole essere, come di consueto, un omaggio all’estate e ai tempi lenti del relax e della rigenerazione psico-fisica che l’accompagnano, in una dimensione di vita all’aria aperta. Le architetture pubblicate ne celebrano tutta la bellezza con la creatività e l’innovazione che connotano i progetti intorno all’acqua. Dalla Sardegna al Ghana, da Cabo Verde all’India, fino al Sud Carolina, ciascuna a proprio modo interpreta nell’approccio un costruito indissolubilmente legato alla natura e alla cultura del territorio, valorizzandone identità, saper fare e risorse in chiave sostenibile e di rispetto del paesaggio.

Graphic Motion: Daniele Basilico

Arredi outdoor per vivere en plein air

All’insegna del vivere en plein air anche i progetti nelle pagine di Interni dedicate al design. Le ultime novità dell’arredo outdoor sono protagoniste dei servizi fotografici scattati in due luoghi d’eccezione: la Sardegna, quella meno patinata e più vera raccontata da Gianluca Vassallo, che sull’isola ci vive, e la Casa Museo Jorn ad Albissola Marina, la casa che Asger Jorn costruì per sé negli anni ’50 facendone un’opera d’arte totale.

Design e scienze vegetali

Il tema della natura domina anche negli approfondimenti. Stefano Mancuso e i fondatori dello studio Pnat raccontano a Interni i loro progetti che coniugano il design con le scienze vegetali per creare una nuova armonia tra uomo, piante e animali a invertire la rotta climatica.

Il rapporto tecnica-estetica

I quattro elementi naturali della cosmogonia antica - terra, acqua, aria, fuoco - vengono infine proposti da Interni come chiave di lettura della creatività contemporanea, dove tecnica ed estetica si fondono in un rapporto sempre più profondo.